lunedì 1 agosto 2016

Leggere o scrivere?

Leggere è un sogno.
Iniziare un nuovo libro, annusare le pagine, farsi prendere dalla storia, conoscere i personaggi, entrare nelle loro menti, partecipare alle gioie e ai dolori dei singoli protagonisti, odiarne alcuni e amarne altri, cercare - pagina dopo pagina - di 'intervenire' nella narrazione sapendo che è impossibile, intristirsi leggendo l'ultima riga, ricercare qualcosa di simile nel libro dopo...tutto questo è l'amore della lettura. È un amore cerebrale, seducente, mentale, emotivo.

Ma scrivere è un'altra cosa.
Iniziare un nuovo racconto, vedere la storia nascere sotto le tue dita, creare i personaggi, manipolare le loro menti, decidere le loro gioie e i loro dolori, odiarne alcuni e amarne altri, 'intervenire' direttamente - pagina dopo pagina - nella narrazione sapendo che tutto è possibile, essere felici alla fine perché in fondo non ne puoi più, avere la mente a qualcosa di completamente diverso per la prossima fatica letteraria...tutto questo è amore per la scrittura. È un amore fisico, sessuale, è vero e proprio orgasmo. Puro piacere, null'altro.

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...