venerdì 24 giugno 2016

Poveri british

Questa follia inglese, figlia di presunzione e di ignoranza atavica, automaticamente mette ansia anche 'familiare'. 
Mio nipote, ormai professore universitario che inizia il suo lavoro tra pochi giorni, sicuramente vede lo scenario di fronte a sé cambiare in modo repentino. Forse senza alcun problema a breve, ma certamente alla lunga tutto diventerà più difficile. 
Poi questa scelta scellerata provocherà grande instabilità nel mondo portando crisi economica e, peggio, conflitti politici e di confine. 
Oltre al fatto che la moribonda Ue vedrà pericolosamente spostare l'asse verso est, dovendo mediare ancora di più verso governi pessimi e semi-fascisti. 
Poveri inglesi, isolani e isolati. 
Sono certo che il costo maggiore lo pagheranno loro. 

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...