domenica 26 luglio 2015

Marilyn docet

E' arrivato il momento.
La moglie via per lavoro per cinque giorni, gli eredi oltre cortina dai nonni per cinque giorni.
Da oggi iniziano le mie vacanze, a Milano, al lavoro, ma beatamente ricche di solitudine.
E come in 'Quando la moglie e' in vacanza' (anche se nel mio caso e' al lavoro) io vago per la metropoli alla ricerca di avventure, di conoscenze.
E infatti.

1. Stasera, domenica, arrivano un gruppo di moldave conosciute in Expo che portano prelibati piatti locali e a cui mi dedichero' nell'immediato dopo cena.
2. Lunedi' un gruppo di Expo conosciute in Moldavia.
3. Martedi' la vecchia fiamma da sola anche lei in citta' con cui rinverdiremo i bei tempi e le fantasie.
4. Mercoledi' un dopo cena a un party ricco di tragressione dell'amico sempre fissato per queste cose
5. Giovedi' riposo, in attesa del rientro della moglie e dei figli che avverra' entro la serata.

Un programmino mica da ridere, che richiede una dieta particolare da subito per non arrivare sfiancato al termine dell'ambizioso programma.

Vado perche' comincia a suonare il citofono.

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...