lunedì 25 maggio 2015

La vita è ingiusta

È la frase che la madre di un mio amico mi bisbigliò appena venuta a conoscenza di un male che pochi mesi dopo l'avrebbe portata alla morte.
Mi è sempre rimasta in mente, anche perché è una frase di grande confidenza, e corona una conoscenza e una frequentazione quarantennale.
Perché questo ricordo?
Perché in fondo, aldilà della drammaticità dell'episodio, spesso ci si trova di fronte a considerazioni di questo tipo, naturalmente quando non tutto va per il verso giusto.
Come se la 'vita' fosse un'entità esterna a noi che tutto governa, per chissà quali regole divine oppure terrene, oppure, come forse di fatto è, per quale casualità.
Più passano gli anni e più si fa l'incontro con le malattie, con le difficoltà, con la morte.
Tutte manifestazioni 'naturali', con le quali dobbiamo fare i conti tutti i giorni, senza distinzione di sesso e condizione economica, a cui dobbiamo inchinarci cercando solo di contenere i colpi.
Gli anni che passano tracciano dei solchi profondi verso il mondo che ci circonda, lasciando aperti spiragli di porte che gradualmente si chiudono.
Ma la 'vita' è comunque bellissima, ti incita a continuare, ti avvicina sempre di più a chi ami, ti lascia l'illusione di un sogno, di un progetto, di un cambiamento.
Poi, forse, un giorno, ti alzi e ti rendi conto che che tutto è finito, che le porte si sono chiuse del tutto, a quattro mandate, che i sogni sono solo quelli agitati nelle poche ore che dormi di notte, e che i progetti sono solo quelli che fai sulla carta.
Ma tant'è, perché sai di avere vissuto, di avere fatto tante cose, di avere gioito a lungo, e di avere pianto ancora di più, di avere amato e, soprattutto, di aver trovato negli occhi dei tuoi figli, l'infinito.

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...