mercoledì 20 agosto 2014

È tempo della moda

E che volete che vi dica?
Che mi mancano i miei figli dopo soli quattro giorni di triste separazione?
Sì, ve lo dico, e ognuno la pensi come vuole.
Le vacanze quest'anno - sebbene tanto intristite dalle brutte notizie di luglio - sono state molto serene.
Con i ragazzi ormai tutto è molto più semplice e loro ormai, entrambi!, sono molto più autonomi e quindi molto più facili da gestire.
Mi sono divertito molto con loro e tutta la famiglia è stata, credo, in armonia e tranquillità.

Ora si avvicina una delle scadenze più importanti di ogni anno.
La principessa dai capelli rossi, a metà settimana prossima, batte il settimo ritocco, e i preparativi stanno cominciando a fervere.
Festeggiamo in montagna, dove sono tutti ora, e visto che io li raggiungo nel weekend.
E dato che i molti bambini che affollano il condominio sono ancora presenti prima di cominciare a rientrare nella grande Milano, la scelta è stata obbligata.
A Milano ci sarà il secondo round con gli amici, e il terzo con la famiglia.

Festona, mi dicono dalla montagna.
Nel giardino condominiale, con 'ricevimento' accluso - bibite e focaccine e torta! -, e probabilmente fornitura a tutti di ombrelli vista l'aria che tira.
La ragazza è eccitata dall'inizio del mese.
- Papi, oggi mancano 20 giorni al mio compleanno, dice un giorno
- Papi, oggi mancano 19 giorni al compleanno, il giorno dopo.
E così via quasi tutti i giorni che la madonna manda in terra, come fosse il conto alla rovescia dell'Apollo 13.

Se la tira, perché va in seconda, perché compie gli anni, perché i suoi capelli rossi ormai lunghi la fanno sentire più grande, perché le gambe si distendono e lei lo sa.

L'altro giorno mi si avvicina, sculettando, con una mano vezzosa su un fianco e l'altra che sventolava l'aria, canticchiando a ritmo:
- Moda, moda, è l'ora della moda, moda, moda, è l'ora della moda...
Sembrava Claudia Schiffer ai suoi tempi migliori, ma mooooolto più bella.
Io esterrefatto ho estratto il telefono e le ho fatto un video per lasciare ai posteri una testimonianza su cosa ho dovuto 'subire' in questi anni.
Bellissima, credetemi sulla parola.
Una bambina bellissima, e non c'è da meravigliarsi, essendo mia figlia...

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...