giovedì 21 agosto 2014

E io lavo!!!

Ogni giorno si impara qualcosa, questo è certo.
E quello che non impari tu, direttamente dalla tua esperienza di vita, te lo racconta qualcuno molto più intelligente di te e che viene pagato per rendere l'umanità più sensibile, consapevole e intellettualmente inattaccabile.

Questa è la nuova verità che ci viene proposta dalla terra degli alci e dei salmoni.
Quindi, cari papà che non pensate ad altro che bere birra, mettersi in mutande canottiera davanti alla partita e addormentarvi a bocca aperta tutte le sere davanti alla vostra famiglia esterrefatta, se volete che vostra figlia abbia un futuro roseo e di successo dovete incominciare a sparecchiare, lavare i piatti, tirare di straccio il sabato mattina, caricare lavastoviglie e lavatrice e se serve - come serve quando si hanno bambini - anche saper fare il bucato a mano in acqua calda e detersivo per le macchie più difficili.
Se non si fa così si corre il rischio che la l'infante di stampo femmineo si adatti a una svolta professionale mediocre, o peggio ancora - aggiungo io - che punti al matrimonio, sforni figli e si faccia la permanente (esiste ancora?) ogni fine settimana.

Ecco.
Io credo che ognuno nella propria famiglia abbia un proprio ruolo, sia professionale sia culturale, e che soprattutto nei confronti dei figli i punti di riferimento siano due, ben distinti: padre e madre.
I maschi e le femmine non sono uguali, infatti hanno sessi differenti e si chiamano con diversi.
Le sensibilità sono diverse, gli approcci anche. Ma questo non è il problema.
Il problema sono i ruoli sociali che vengono assegnati, le gabbie culturali in cui si cresce, i deliri delle consuetudini.

Le donne - lo dico sempre, tutti mi sono testimoni - sono ormai lanciate verso la conquista del mondo, e hanno di fronte a loro un futuro di potere, conquiste e successi.
Non so se sia un bene assoluto, ma questa è la dura realtà a cui noi maschietti non possiamo fare altro che adeguarci.

Ma tutto questo non credo che sia perché a un certo punto i padri di figlie femmine improvvisamente hanno cominciato a lustrare le scarpe e raccogliere i pannolini caccolosi dei propri figli.
A volte il mondo mi sconcerta, per le sue banalità e per il tempo perso a raccontare inutili ore di di presunti studi sociologici.

Comunque, lo studio canadese mi ha fatto riflettere e ho raggiunto una conclusione.
Da oggi niente più lavori in casa, ritorniamo ai bei ruoli distinti e originari dove la madre allatta e cresce i figli e il padre maschio vero e virile torna ogni sera con il cervo cacciato sulle spalle.
Infatti se persisto nel mio ruolo di padre consapevole, partecipativo, democratico e antifascista, Bianca mi sbatte fuori di casa tirandomi sulla gobba tutti i piatti che ho lavato in questi anni.

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...