mercoledì 19 giugno 2013

La semestrale...

Come ogni società quotata che si rispetti, alla fine di giugno esce la semestrale che fa il punto della situazione dell'andamento economico e finanziario dell'azienda, permettendo così a soci e  potenziali investitori di fare le proprie valutazioni.
Insomma si prende la temperatura alle aziende in modo da poter valutare il loro stato di salute e quindi la loro appetibilità di investimento.
Lo stesso faccio io - manco fossi la Sec o la Consob - rispetto ai miei figli.

Andrea spa.
Finita la scuola - sicuramente in modo brillante, ma lo sapremo proprio domani alla consegna delle pagelle - il principe ereditario sconta un po' di bollitura di fine anno scolastico, subito recuperata dalla prima settimana piena al campus sportivo.
Tennis, calcetto, piscina, rugby, pallavolo, pallamano, ginnastica, corsa...sono solo 'alcune' delle discipline che affronta tutti i giorni, che alla fine della settimana vengono riassunte in un saggio - balletto ginnico un po' del cavolo - che conclude l'impegno fisico.
Il luogo è molto bello, conosciuto a Milano per la sua storia di struttura sportiva, vicino a casa e quindi facilmente raggiungibile dai genitori sempre in affanno di tempo.
Ma c'è un ma.
Come dice mia moglie, Andrea sembra attraversare una crisi adolescenziale prima di essere adolescente.
Da qualche settimana è aggressivo, irritabile, irrispettoso, antipatico con sua sorella che ha tutte le colpe del mondo, ma lo adora alla follia.
Sta cambiando, molto velocemente, acquistando una sua personalità più marcata - meglio - unita a una forma di irritazione che lo rende a volte odiosetto.

Bianca inc.
Le performance della principessa sono come sempre a corrente alternata. Si è molto avvicinata al suo papà, che sarei io, eliminando se non completamente, quasi tutti le sue odiose asperità che mi tenevano lontano da lei.
Ma quando vuole marcare il territorio, fa riemergere il peggio di sé, sconvolgendo equilibri, umori e armonie.
La cosa più affascinante è che dietro a quella scorza dura come il granito, si manifesta sempre di più un animo gentile, poetico, intellettualmente seduttivo.
Ti chiama e ti dice, all'improvviso, che 'il panorama sembra un quadro appena dipinto' oppure che 'gli alberi e gli uccelli sono bellissimi e fanno sognare'.
Di fronte a queste forti discontinuità si rimane sbalorditi, a bocca aperta, incapaci di commentare. Una sorta di Jekyll e Hide fatti a bambina.

Entrambi comunque crescono, forgiano il loro carattere, sviluppano le loro curiosità, vivono le loro delusioni...

Allo scadere dell'anno si presenteranno i bilanci e vediamo come è andato l'anno.
Anni difficili...

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...