sabato 18 maggio 2013

Sono da ricoverare e buttare via la chiave

In diretta dalla sfida di basket. 
Andrea è molto felice di questa continua lotta contro se stesso. 
Non è un 'fisico' e forse non lo sarà mai. 
Ma si diverte e questo è importante. 
Almeno spero. 
Gli altri, sia della sua squdra sia gli avversari, mi sembrano talmente grandi, forti, giganti quasi. 
Io sono scemo e quindi, as usual, mi agito e mi preoccupo quando invece dovrei solo essere felice per lui. 
Mio padre quando mi veniva a vedere giocare i tornei di tennis da una parte non capiva niente di uno sport lontano anni luce da lui, dall'altra interveniva e faceva pure critiche. 
Dio che sofferenza. 
Penso che ricomincerò a fumare...

Nessun commento:

Posta un commento

Teatro di prosa

È che la vita è un palcoscenico - anche se la visione è un po' banale e trita - in cui si susseguono scene senza che nessuno abbia scrit...