lunedì 15 aprile 2013

Miserabile

Bella parola miserabile.
Una parola desueta, un po' in via di estinzione in un'epoca come questa in cui ogni barriera si è abbassata e quando si vuole insultare qualcuno non si bada a spese. Anche in pubblico.
Miserabile esprime tutta la pochezza di chi è oggetto della definizione.
Zero senso dell'opportunità. Zero senso della dignità. Zero senso del rispetto. Zero segno di intelligenza e cultura. Zero capacità di stare al mondo.
Miseria, ecco cosa esprime chi è miserabile. Nullità.

Ennesima pessima prova del Tony Blair de noantri. E la risposta è stata fin troppo elegante.
Fare la 'rivoluzione' vuole dire buttare all'aria tutto. Questa non è rivoluzione, è sgomitare per avere il proprio posticino sopra tutti.
Sono mesi che assistiamo a queste azioni nel peggiore stile democristiano, ascoltando messaggini mafiosi, con personaggi che nell'ombra sabotano tutto e una volta beccati con la mano nella marmellata alzano gli occhi da cerbiatto chiedendo 'chi, io?'.
Pessima prova, ragazzino, pessima prova su tutti i fronti!

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...