martedì 19 febbraio 2013

Meglio declinare le proprie generalità, prima...

"Prima di sputare sugli altri controllare di non essere davanti allo specchio!!"
Questa frase è tratta dall'opera completa (circa 21 volumi, tomi da circa 500 pagine l'una, mica paglia...) di uno dei più grandi pensatori surrealisti e cialtroni che la storia del mondo occidentale abbia mai conosciuto: io.

È la frase che mi è venuta in mente non appena ho letto questa notizia.
Io non voglio entrare nel dibattito politico, tanto meno elettorale. Povero e inutile.
Ma voglio solo segnalare cosa è diventato questo paese, quale livello di bassezza ormai abbiamo raggiunto, quale senso della verità e della trasparenza ormai abbiamo.
Sembra che quest'uomo le abbia sparate grosse, in un'intervista tv, in merito alla propria preparazione e al proprio curriculum scolastico.
Di per sé la cosa non è gravissima, visto che nel parlare a volte si dicono cose che non si vorrebbero e magari sono solo aspirazioni a cui tendere. Un conto è scrivere sul curriculum di avere titoli che non si hanno, un conto, per quello che capisco, aggiungere un master che non è stato un master ma forse un corso di lingue.
Ma non è un problema di peso specifico della balla.
Ma la cosa che sconvolge è la facilità con cui questi strani personaggi che popolano la pubblica via sciorinano falsità, gratuità, leggerezze, promesse, chiacchiere al vento, e amenità varie.
Ognuno sputa in faccia all'altro, rimbrotta, rinnega, ricatta, richiama, per poi essere a sua volta rinnegato, ricattato e richiamato. Oltre che sputtanato a vita.
Ma il peggio è quando la cosiddetta società civile viene trovata con le mani nella marmellata, dopo aver sparato a zero sul politicame corrotto della casta e avere fatto della lotta contro di essa il proprio credo politico.

Chi è senza peccato scagli la prima pietra!
Questa non l'ho detta io, però...

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...