mercoledì 23 gennaio 2013

Un sogno strappato

Oggi è il 23 gennaio.
Un solo ricordo a Roberto, che trentanove anni fa veniva ucciso alle spalle dalla polizia davanti alla Bocconi.
Roberto era più grande di me. Ma lo ricordo molto bene al liceo, lui alle soglie del diploma e io minuscolo ragazzetto appena entrato al liceo.
Roberto è stato uno di quei 'maestri' che mi ha avviato alla politica.
Un punto di riferimento.
Ricordo solo la lapide affissa da noi nell'aula magna del liceo, in suo ricordo, poco dopo la sua morte.
Un giovane strappato alla vita.
Un giovane mai diventato adulto.
Un giovane giusto.
Ciao Roberto.

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...