sabato 28 gennaio 2012

Memoria

Verrà il giorno,
Verrà quel giorno in cui dovrò spiegare, raccontare, far capire che cosa è stata la Shoa ai miei figli.
Verrà prima o poi quel momento in cui la mia coscienza, spero, mi darà la forza di spiegare come l'uomo possa, aldilà delle ideologie e dei più biechi interessi, raggiungere un livello di crudeltà e di scientifica follia come quelli raggiunti ormai più di sessant'anni fa.
Verrà quel momento.
E io spero, allora, di poter affrontare il mio compito di educatore e di conservatore della memoria, in modo adeguato, libero da condizionamenti ideologici.
Libero da tutto.
Per poter far capire che tutto ciò non è stato frutto di una follia collettiva.
Per poter far comprendere che non è stata un'allucinazione improvvisa.
Ma per poter far capire che tutto ciò può accadere, ancora oggi.
E che bisogna vigilare, non tanto sugli altri, ma soprattutto su noi stessi.
Se dio esiste, che ci protegga.

Nessun commento:

Posta un commento

Teatro di prosa

È che la vita è un palcoscenico - anche se la visione è un po' banale e trita - in cui si susseguono scene senza che nessuno abbia scrit...