venerdì 27 gennaio 2012

Che noia

Ci sono momenti in cui vorrei essere nella Papuasia dell'est, oppure semplicemente su un altro pianeta.
A volte la voglia di tapparsi le orecchie, ormai - facendo anche lalalalalalala con la bocca - è sempre più forte.
Il problema non è più il rumore di fondo, che disturba, ma che si combatte bene o male, chiudendo la porta.
Oggi le urla sono sempre più alte, forti, predominanti; la pochezza, la volgarità, la ignobile ignoranza la fanno da padrone.
E non mi riferisco solamente alla prima pagina di quella roba lì pubblicata tutti i giorni a Milano. Quella è ormai vera e propria feccia, schifezza allo stato puro. La coscienza degli uomini, almeno di alcuni, sembra ormai essere inghiottita da un gorgo di violenza e di stomachevole volgarità.
Io non riesco più a vedere un telegiornale, a leggere con attenzione i giornali, a consultare i siti di informazione.
Non riesco più a vedere un programma televisivo se non è un vecchio film; a vedere Santoro, Ballarò, Gad Lerner.
Sembra che la mia mente, forse avvizzita e avviata verso una sicura involuzione cognitiva, si rifiuti di allinearsi al mondo odierno.
Io sono preoccupato per il mondo, ma soprattutto per me stesso.
Forse il mio destino è un posto in tribuna numerata a San Siro...

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...