venerdì 20 gennaio 2012

Area C piace

Area C...
Io abito in periferia.
In quella zona ricca di contrasti e di opposti, molto verde, ben servita, con tante scuole, non particolarmente trafficata. Tranne in quei giorni, quei maledetti giorni - ormai tutti tranne il lunedì, forse per favorire la lobby dei parrucchieri - in cui ventidue miliardari in mutande trogloditi, si esibiscono su un prato verde per la gioia degli appassionati.
C'è a chi piace e a chi meno.
L'area C dicevamo. La zona all'interno della cerchia dei Navigli (le mura medievali), il centro classico di Milano, dove oggi chi vive guadagna bene e anche di più, dove l'attenzione delle passate amministrazioni comunali è stata quasi esclusiva, dove i più si lavorano per scappare, dove si fa shopping, dove da tempo si paga per entrare se sei di periferia.
Insomma il nostro Pisapia ha equilibrato le cose.
Paga chi viene da fuori e paga chi ci sta dentro.
E, credetemi, io che ci lavoro, il centro da una settimana è una vera e propria meraviglia.
Strade vuote, gente in quantità che cammina sui marciapiedi, rumore contenuto e aria che sembra, e sottolineo sembra, più accettabile.
Io non so cosa porterà. So solo che per ora l'impatto è buono, la gente sembra accettarlo - aldilà di qualcuno più arrabbiato, a torto o a ragione - e la città, almeno in queste zone, è diventata più 'umana.
Fa specie aggirarsi per le strade del centro con questa aria vuota, un po' surreale. Vedere molte persone attraversare senza problemi, sentire le auto avvicinarsi perché spesso 'uniche', sentire rumori una volta soffocati dal traffico.
Vediamo se i risultati in termini ambientali saranno confermati dopo i primi dati ottimistici che circolano sulla stampa. Intanto le casse un po' si sistemano, alla faccia del buco che la signora ci ha lasciato.
E mi spingo ancora più in là.
Io imporrei divieti e pagamenti a tutta la città, se si vuole usare l'auto.
Questo è l'unico modo per fare una vera e propria rivoluzione non solo ambientale, ma soprattutto culturale e sociale.
E, forse, per dare un futuro migliore ai nostri figli.
Per inciso, sia Bianca che Andrea stanno ormai manifestando allergie e irritazioni respiratorie che non promettono nulla di buono...

1 commento:

  1. bello sono proprio felice. Mi piacerebbe da sempre che anche Roma fosse così. so che è impossibile ma chissà con il tempo...

    RispondiElimina

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...