mercoledì 18 gennaio 2012

Aprire gli occhi

Il problema vero di noi tutti è uno solo.
Soldi? No.
Felicità? No.
Onestà? No.
Invidia? No.
E allora, cos'è, perdindirindina...
Il problema vero vero è che il mondo a cui siamo abituati,
il mondo mondo che ci ha fatto crescere, bene o male,
quel mondo che nasceva dopo la guerra mondiale, infarcito di Hollywood, Cinecittà e derby Milaninter,
quel mondo fatto di lavoro, vacanze, weekend, gelato sullo struscio del paese, shopping, canottiera e mutande sul divano, figli che giocano al pallone in strada,
insomma quel mondo che ha segnato un'epoca,
quel mondo lì,
non c'è più.

Oggi siamo nella precarietà,
oggi siamo nella continua ansia di vivere,
oggi abbiamo sempre meno prospettive,
oggi non abbiamo più sicurezze,
c'è qualcuno che ci dice pure che le ideologie sono morte quando ha vinto l'ideologia delle ideologie,
oggi anche i capitani delle navi non sono più eroi...

Insomma prima ci rendiamo conto che il mondo, la nostra vita, sono cambiati profondamente - e che dobbiamo smetterla con le nostre pretese di restaurazione - prima ricominciamo a vivere e a progettare.

Oggi è necessario prendere visione che siamo al centro di uno di quei vortici che rivoluzionano il mondo intero e che verrà studiato nei libri di storia tra qualche generazione.
E prendendo visione, ci rimbocchiamo le maniche per ricominciare a costruire un pianeta a più basso tasso di sviluppo, a più basso inquinamento, a più basso consumo, a più bassa comodità, a più basso senso di onnipotenza.
Nessuno si spaventi, tra quei quattro gatti che leggono queste righe.
Non ho intenzione né di fare ricorso alle religioni orientali, né di inventarmi predicatore de' noantri, né di scendere, o meglio crollare, in politica.
Sono solo pensieri in libertà che si sciolgono quando leggo le notizie. Tassisti che metteranno 'tutto a ferro e fuoco'. Oppure le sciurette milanesi del centro che si indignano perché non possono più usare l'auto come prima.
Oppure... i più si lamentano e non guardano in faccia alla realtà.

Un'epoca è finita e noi dobbiamo prepararci velocemente a vivere pienamente quella nuova.
Grande caos sotto il sole, la situazione è eccellente!

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...