martedì 13 dicembre 2011

Sotto i ricci la ga i capricci...

Bianca continua a manifestare tutto il suo apparente disagio attraverso incomprensibili rifiuti di vestirsi, di indossare scarpe, di mettersi pantaloni larghi o stretti a distanza di poche ore, sciarpe, cappelli...
Una tragedia, non solo ambientale, ma anche logistica, visto che le peggiori ribellioni avvengono quando è necessario fare in fretta.
È chiaro che qualcosa non va, che sta dicendo qualcosa di particolare, sta chiedendo qualcosa che noi non comprendiamo.
Ma io non so cosa.

È di questi giorni la notizia riportata da Repubblica in cui, grazie a uno studio di tre ricercatori americani, si è analizzato il fenomeno dei cosiddetti ' capricci' dei bambini.
Uno studio accurato, serio almeno sembra, in cui si traggono alcune indicazioni finali come quello, forse già sperimentato dai genitori esausti, di lasciare perdere i bambini che urlano e sbraitano improvvisamente senza alcun motivo apparente.
L'indicazione, valida sembra, è quello di ascoltare il capriccio in corso e lasciarlo 'sfogare' nella sua fase acuta iniziale, quando il bambino è completamente chiuso al mondo e sente solo le proprie urla e e vede solo i suoi calci al prossimo immediato.
È inutile intervenire in questa fase. Lasciarlo 'sbollire', questo è il messaggio. A meno che il motivo della tragedia sia evidente e immediatamente risolvibile, ma allora la cosa da certi punti di vista diventa più facile.
Lo studio, ha monitorato circa 1300 urla e tipologie di massacri vocali, raggiungendo quindi una casistica che si avvicina di molto, immagino, alla quasi totalità.
Insomma ascoltare i bambini, cercare di capire qual è il loro malessere, è ancora la strada migliore per farli crescere bene, al meglio per lo meno, cercando in tutti i modi di mantenere la barra della pazienza al centro.
Io? Pazienza zero.
Pessimo padre...

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...