lunedì 5 dicembre 2011

Taci, disfattista che non sei altro!

La manovra sta per essere approvata, proprio in queste ore.
E il clima è questo:

1) La manovra è splendida e straordinariamente efficace di per sè.
2) I professori sono al di sopra delle parti.
3) Le scelte fatte sono perfette.
4) Chi critica è il solito nulla facente disfattista che ci porta allo sfacelo.

Allora, se è ancora permesso, dico la mia.

1) Dall'inizio ho accettato, da cittadino elettore intendiamoci!, che il Parlamento non contasse più nulla e che un governo tecnico ci traghettasse fuori dal berlusconismo e dallo sfacelo economico, politico, finanziario e morale.
2) Ho atteso con ansia le mosse di quelli che tutti ritengono 'i salvatori della patria' (lo dico senza ironia).
3) Poi ho visto i primi passi.
4) Poi mi sono fatto, da cittadino elettore intendiamoci, qualche idea.

E, da cittadino elettore intendiamoci, queste sono le mie opinioni.
La manovra presentata è la solita acqua calda. Una manovra forte, che non tocca però gli equilibri che hanno portato il paese alla bancarotta.
È questo, secondo me, il problema.
Non è la durezza che contesto, ma è la ripetuta e reiterata modalità di fare cassa tra i soliti, quelli più facili da mondare, quelli più deboli.
La patrimoniale? No.
L'Ici o presunta tale alla Chiesa? No.
La lotta all'evasione che passi attraverso controlli verso in particolare gli 'evasori totali'? No.
Massacrare di tasse chi ha patrimoni ingenti? No.
Tassazione delle transazioni finanziarie? No.
Sarà anche efficace, la Ue sarà contenta, i mercati gioiranno, ma credo che si sia scelta la strada più facile, consueta e senza un minimo di coraggio.

Il paese ormai si è bevuto il cervello e vuole solo NON occuparsi del problema.
Vuole delegare tutto, senza pensieri, senza fastidi. Vuole Superman che con un pugno risolva tutto.
Peccato che si accorgerà, un giorno, che i soliti pagano, le imprese chiudono e lo 0,95% (!) che dichiara più di 100mila euro l'anno se la gode ancora di più alle spalle di tutti noi.

Ma a quanto pare non si può dire nulla, non si può criticare.
'Lasciateli lavorare', dicevano nel 1994 quando quello, con le sue gambette, scendeva in campo...

2 commenti:

  1. Mah, il paragone con il 94 non regge. Le personalità in gioco sono profondamente diverse per essere appunto paragonate. Monti c'è da 17 giorni e sono riusciti a fare una cosa come la riforma delle pensioni (si poteva essere anche più aggressivi) in 17 giorni, di fatto eliminato le province (occhio al ricorso! che non c'è mai limite al peggio), riusciti a ridare al paese la credibilità e il peso nel consiglio del 9, a ridare un po' di orgoglio. Se si pensa che 20 giorni fa non sapevamo nemmeno se berlusconi si sarebbe dimesso.

    Finora ha fatto niente di meno ne di più di quello che aveva detto. E cioè inculata (nobless oblige) generica e generalizzata. Non pensate che ai 30enni faccia piacere che non si liberino posti di lavoro ad esempio. Ha detto che darà impulso alla crescita e dismetterà sti cacchio di enti statali inutili e le municipalizzate etc....e farà le spending review sulle spese statali in modo da ridurre drasticamente il debito.

    Magari lo doveva fare in meno tempo in 7 giorni e poi adesso saremmo già dovuti essere in campagna elettorale a rieleggere gli scilipoti...mah...se ve piace così.

    come al solito "Si stava meglio quando si stava peggio".

    RispondiElimina
  2. No Michi, mai detto queste cose.
    Il mio pensiero è duplice e preciso:
    1) la manovra è 'criticabile'. Non è perché arrivano questi non è più consentito non approvare. Oggi è passata questa posizione: se critichi sei il solito sfascista. Io non ci sto.
    2) Inoltre non sono d'accordo con la manovra (in senso generale) perché è poco determinata, è troppo mediata e invece la situazione ha bisogno di maggiore decisione. Anche, e soprattutto, attraverso misure che toccano quei privilegi che hanno disfatto questo paese: Chiesa, ricconi nababbi, speculazioni finanziarie e grandi imprese.
    Non ti domandi perché proprio chi ha fatto saltare il mondo due/tre anni ha approvato a piene mani la manovra?

    RispondiElimina

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...