lunedì 19 dicembre 2011

Fosforo? No, grazie.

Si sta prendendo la vittoria più gustosa, il nano.
In vent'anni, daje e daje, è riuscito a raggiungere l'obbiettivo più alto, più sofisticato, quello che riesce di fatto - aldilà delle manovre economiche, delle leggi ad personam e del costante lavaggio del cervello dal pulpito delle sue pseudo-tv - a distruggere una società basata, e si fotta chi non lo crede, sulla umana convivenza  e su qualche elemento di solidarietà.
Di cosa parlo?
Parlo della guerra, totale!, che ormai è scoppiata e non finirà facilmente, tra le generazioni 'economiche'.
Questi vent'anni, con la continua introduzione di elementi di precarietà, con la reiterata volontà di squilibrare la società a favore dei più ricchi, con l'obbiettivo manifesto di additare presunti privilegi di alcuni per togliere di fatto diritti a tutti, la destra è riuscita a mettere contro le generazioni, i figli con i padri, i giovani che non trovano lavoro con gli anziani 'privilegiati' perché hanno una pensione, i lavoratori protetti dalla legge sacrosanta contro quelli che invece non hanno tutele.
Oggi ci troviamo ad assistere a una guerra culturale, e non solo culturale, purtroppo..., tra chi non riesce ad avere sicurezza e futuro e chi invece ha nel tempo, magari lottando come una bestia, ottenuto tutele, riconoscimenti e diritti.
Oggi chi ha meno non si scaglia contro chi è il responsabile di un disfacimento politico, finanziario, culturale e morale; non ci pensa nemmeno di fare un'analisi approfondita, storica; non fa neanche un'analisi banale a carattere sociale che gli permetterebbe di tirare somme un po' diverse.
No, come nella guerra tra poveri - ricordate gli scontri tra neri e asiatici nella New York degli anni '70, mentre i bianchi 'oppressori' se la ridevano? - nella guerra tra disperati, oggi il nemico da battere sono chi ha diritti acquisiti, e non chi cerca di negarli.
Purtroppo, anche i giovani confermano la teoria assoluta: questo è un paese senza memoria.
E come diceva mia madre...vi accorgerete.

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...