mercoledì 21 settembre 2011

Dal fighetto all'odiosetto

I miei 'adorabili' Squali stanno, naturalmente, crescendo. E stanno cambiando. Soprattutto Andrea.
Sta diventando odioso, o meglio odiosetto.
Forse sta finendo quel periodo idilliaco che si ha quando i bambini hanno quattro/sei anni, in cui tu sei il loro dio, in cui gli unici problemi sono qualche capriccio e il non voler mangiare la verdura.
Il giovane principe è nervosetto, particolarmente sensibile a qualsiasi variazione di umore, irritante come solo i bambini sanno essere, piagnucoloso, ma soprattutto 'antipatico' con i genitori e con sua sorella, che già di suo proprio una santa non è.
Non so se il suo obbiettivo professionale è quello di diventare il segretario della Fiom, ma oggi qualsiasi cosa sta diventando oggetto di trattativa.
- Usciamo?
- Noooo, voglio stare a casa.
- Stiamo a casa?
- Noooo, usciamo!!
- È ora di cena, vieni a mangiare.
- No, io non mangio, non mangio più!
E poi i continui, reiterati, riproposti e ripetitivi scontri con sua sorella.
Lei comincia a giocare con una cosa e lui la vuole; lei guarda la tv e lui vuole cambiare canale; lei dorme e lui vuole che stia sveglia.
Insomma un vero sfinimento.
Forse è una fase della crescita.
Forse sono solo semplici pigne nel suo cervello.
Forse è veramente così e allora siamo rovinati.
Sta di fatto che non ho quasi mai urlato in casa, ma da qualche giorno lo faccio quasi regolarmente, vergognandomi come una ladro e soprattutto provando un senso di disagio che non amo vivere.
Il periodo non è facile anche per me, quindi lo scontro è dietro l'angolo, ogni angolo maledizione.
Che fare?

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...