martedì 26 luglio 2011

Benvenuti al nord!

Tre pareri a confronto

1) L'intellettuale che tutto vede e che tutto ragiona

Uno si abitua alla destra più bieca, al finto efficientismo, alle leggi ad personam, alla casta (perfino a quella!), agli incapaci, ai delinquenti, ai cialtroni di ogni risma. Uno si abitua a tutto, credetemi.
Ma non mi abituerò mai alle bestie ignoranti buffone.
Eccone un esempio.
La solita cialtronata, che fa pendant con i cartelli dei nomi delle città in dialetto, le strisce per attraversare la strada verdi piuttosto che il simbolo leghista spiattellato a ogni angolo delle strade oppure camuffato e rivelato dall'occhio potente del satellite.
Siamo al ridicolo, alla bestialità diffusa.
I contribuenti sempre più munti (e il governo è di destra, ricordiamocelo!), la richiesta di sacrifici che fino a un mese fa erano negati e anzi motivo per attaccare la sinistra disfattista e statalista, e questi si inventano i ministeri al nord (ma a che titolo? chi l'ha deciso?), occupano un edificio pubblico non si sa con quale permesso, si insediano e poi... e poi... la certezza assoluta che è tutta una inutile sceneggiata napoletana che serve a buttare un po' di fumo in faccia agli elettori più 'stupidi' della Lega e al popolino ignorante che si mette le corna celtiche di polistirolo sulle crape vuote.
Ma chi paga?
Noi? Loro? Qualcun'altro? La Cia? Il Kgb? o la Federcalcio?
Ma perché siamo arrivati a questo punto?

2) Il compagno militante che vede oltre le masse

Fate attenzione signori miei.
Questi sono segnali inquietanti che richiedono vigilanza, occhi aperti e un'azione politica di risposta ferma e decisa.
Dietro a queste azioni c'è sicuramente del folclore, della propaganda bieca e spicciola, ma l'obbiettivo vero e proprio è quello di cominciare a disseminare piccoli elementi di separatismo, di secessione, mettendo le mani un po' avanti, senza tanto farsi accorgere.
Bisogna vigilare, Napolitano deve intervenire subito e i cittadini devono scendere in piazza facendo capire da che parte stanno.
Ricordiamoci la Yugoslavia...

3) C'è anche un parere terzo, che è quello della maggioranza bue, che non vede aldilà del suo naso.

A me non me ne frega niente, tanto sono tutti uguali, ladri e magnamagna. L'unica cosa che conta è che ritorni Kakà.

E infatti andiamo a rotoli...

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...