mercoledì 1 giugno 2011

Milano s'è persa

Avevano ragione. Avevano ragione i leghisti, i fascistoni con le croci celtiche, i destri di ogni sembianza e stazza.
Con Pisapia tutto crollerà, zingari a ogni angolo delle strade, inefficienza diffusa, disastri ambientali, puzza, cani randagi e scarafaggi in tutte le case.
Ed è proprio quello che sta succedendo.

1) Stamattina, e sembra per tutto il ponte, acqua a catinelle. Probabili allagamenti, fiumi che si ingrosseranno, disastri ambientali di ogni tipo.
2) Stamattina, alla scuola di Andrea, prima volta da settembre, niente vigile che fa attraversare bambini e famiglie. Una tragedia, vista anche l'acqua.
3) Stamattina, venendo in ufficio, sotto l'acqua torrenziale, in moto, fila mai vista sull'asse ovest/centro.
Un milanese doc guarda,
commosso, i luoghi dove un tempo
sorgeva la sua fiorente città
4) Stamattina, dopo giorni, settimane di caldo torrido, di cieli azzurri, di leggere striature di nuvole, di uccelli canterini e di bambini vocianti nei parchi cittadini, crollo tombale delle temperature. Tra l'altro sotto l'acqua, se non si fosse ancora capito.
5) Stamattina, arrivo in ufficio, e tutti sono incazzati neri. Non si può rivolgere la parola a nessuno, tutti ti guardano male, trovare uno disponibile è impossibile. E sono tutti bagnati, per la pioggia.
6) Stamattina, arrivo in ufficio, sotto l'acqua, e mi giunge notizia che devo pure lavorare, a differenza degli ultimi cinque anni.
7) Stamattina, entrando in ufficio, sotto l'acqua, mi viene incontro il solito disperato che chiede la carità con un patetico cartello in mano. Prima non c'erano? Sì, ma ora hanno più arroganza, gli occhi brillano, pretendono, non sono più dimessi. Tra l'altro, sotto l'acqua che viene, è pure tutto bagnato, puzzolente, disgustoso a vedere. Prima era più cool.
8) Stamattina leggo che l'Expo, fino a oggi gestito, organizzato, pianificato in modo straordinario e in avanzatissimo stato dei lavori, è improvvisamente tornato in alto mare, grazie agli interventi scellerati, sotto la pioggia battente, della nuova giunta. Infatti il 90% dello spazio espositivo, prima delibera della nuova giunta che ancora non c'è - ma si sa, i comunisti sono capaci di tutto - è stato riservato, GRATIS, a Cina, Cuba, Vietnam e Nepal.
9) Stamattina...

Insomma, il sindaco rosso, l'inviato del Kgb, il mangiatore di bambini, quello che metterà le mani in tasca ai cittadini, quello che raderà al suolo le chiese per costruire moschee e campi per i nomadi, nonché aree protette per permettere a chiunque, soprattutto ai minori, di bucarsi, sta già facendo i suoi primi danni.

Forse è meglio fare un passo indietro, appena possibile.
Milano ha bisogno d'altro.
Così non si può andare avanti...

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...