domenica 15 maggio 2011

Angeliche elezioni

Stamattina, dopo aver fatto di tutto - pulizie a casa di mio padre, andato al seggio con lui pregando tutti i santi che andasse tutto bene, andato a giocare a pallone con Andrea - ritornando a casa ho oncontrato una persona che non avevo mai visto ma che sembrava conoscessi da anni.
Un viso dolce, solare, amichevole, sorridente.
Mi avvicina, lentamente, parlando con una voce che è un sussurro, senza un saluto.
- Domani, la sinistra vince tutte le grandi città, al primo turno.
Io lo guardo, scettico, ma non riesco a pensare di avere di fronte un pazzo in libertà.
- Pisapia vince con il 63%; Fassino con il 75%; Merola con il 90%; Morcone con il 59%.
E continua.
- Ma non è finita qui. In quesi tutte le provincie e i comuni, oltre a quelli più grandi citati prima, la snistra vince e stravince.
Io cerco di impapocchiare una domanda per sapere, per chiedere, per fugare le mie perplessità. Cerco di capire chi ho davanti, chi è, perché mi dice, proprio a me!, queste cose.
Lui alza na mano, per zittirmi.
- Ed entro poche settimane crolla tutto, l governo, il Pdl, il premier, i responsabili...

Mi fissa negli occhi, azzurri e profondi i suoi, dolci.
Io rimango a bocca a perta, con una faccia, immagino, da salmone appena cotto al forno.
Lui si gira e si allontana. Si volta una sola volta ancora per sorridermi. E scompare dietro a una casa.

Io mi giro e torno a casa.
Con la gioia nel cuore.
Un angelo? Un venditore di sondaggi? Un sognatore?

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...