venerdì 15 aprile 2011

Designer, nostro profeta

Ieri, per necessità professionale, ho fatto un salto al Fuori Salone, l'area della città dedicata agli eventi, alle iniziative, alle performance e non so a che cos'altro.
Espletate le necessità di lavoro, era l'ora di cena, mi sono detto: 'perchê non fai un bel giro, eh?'.
E siccome sono scemo mi sono pure risposto, 'che ideona, perchê no?'.
Bene, eccomi così al centro della multitudine umana che come un mare in tempesta prendeva a crescere minuto dopo minuto. Uno tzunami.
Migliaia di persone, giovani per lo più, alla ricerca di cose da vedere, di emozioni, o semplicemente di una serata all'aperto.
A parte che è ritornato un freddo cane, la domanda ferale, assoluta, secca che è fiorita alle mie labbra è stata: ma per essere nel design è assolutamente, totalmente, irrimediabilmente, mondialmente obbligatorio essere vestiti da pirla?
Qualcuno mi risponda, così riprendo a dormire il sonno dei giusti. O almeno il sonno.

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...