venerdì 4 marzo 2011

Occupatevi delle vostre bassezze quotidiane

Bene, bene, bene...
E con questo, ed eri già in bilico da tempo, caro Nicki ti sei giocato il mio voto.
Che rimane fedele alla linea, alla storia, al mio sogno e a coerenza e onestà intellettuale.
Cuba, con i suoi problemi, rimane un'esperienza straordinaria con cui un paese del terzo mondo ha trovato la propria dignità, la propria crescita, la propria via alla democrazia.
Cuba, a differenza di Jamaica o PuertoRico o chissà quale altro paese del centro/centro-sud America, è riuscita a liberarsi dal giogo del grande orso americano, ha attraversato la sua storia a testa alta, non è diventata la solita finta repubblichetta al servizio del gioco e degli spacciatori statunitensi.
Problemi di democrazia? Forse.
Repressione? Non più che da noi o negli Usa.
Libertà economiche? Forse poche, ma garantendo a tutti assistenza medica (tra le migliori al mondo!!), educazione, servizi e molto altro.
E nulla può scalfire quanto è successo in questi 50 anni..., soprattutto chiunque in questo paese, dal basso della sua pochezza politica.
I politici italiani è meglio che si occupino delle loro piccolezze, delle loro schermaglie di quartiere, delle loro battone e delle loro gelosie.
Cuba la lascino stare, è troppo grande per loro, lascino perdere...
Anche tu, Nicki, lascia stare, che è meglio! Fai più bella figura, come diceva sempre mia madre...

1 commento:

  1. Idem.
    anonimo di famiglia (chissà quale...)

    RispondiElimina

Teatro di prosa

È che la vita è un palcoscenico - anche se la visione è un po' banale e trita - in cui si susseguono scene senza che nessuno abbia scrit...