venerdì 4 marzo 2011

Occupatevi delle vostre bassezze quotidiane

Bene, bene, bene...
E con questo, ed eri già in bilico da tempo, caro Nicki ti sei giocato il mio voto.
Che rimane fedele alla linea, alla storia, al mio sogno e a coerenza e onestà intellettuale.
Cuba, con i suoi problemi, rimane un'esperienza straordinaria con cui un paese del terzo mondo ha trovato la propria dignità, la propria crescita, la propria via alla democrazia.
Cuba, a differenza di Jamaica o PuertoRico o chissà quale altro paese del centro/centro-sud America, è riuscita a liberarsi dal giogo del grande orso americano, ha attraversato la sua storia a testa alta, non è diventata la solita finta repubblichetta al servizio del gioco e degli spacciatori statunitensi.
Problemi di democrazia? Forse.
Repressione? Non più che da noi o negli Usa.
Libertà economiche? Forse poche, ma garantendo a tutti assistenza medica (tra le migliori al mondo!!), educazione, servizi e molto altro.
E nulla può scalfire quanto è successo in questi 50 anni..., soprattutto chiunque in questo paese, dal basso della sua pochezza politica.
I politici italiani è meglio che si occupino delle loro piccolezze, delle loro schermaglie di quartiere, delle loro battone e delle loro gelosie.
Cuba la lascino stare, è troppo grande per loro, lascino perdere...
Anche tu, Nicki, lascia stare, che è meglio! Fai più bella figura, come diceva sempre mia madre...

1 commento:

  1. Idem.
    anonimo di famiglia (chissà quale...)

    RispondiElimina

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...