venerdì 24 settembre 2010

Per ordine dell'imperatore...

Sentiti l'insegnante di religione, la maestra 'principale', la segreteria, la direttrice della scuola...
Espletate infinite discussioni in casa per capire cosa fare...
Macinate tortuose e laceranti riflessioni su che strada seguire...
Interpellati tutti gli dei passati, presenti e futuri...
Tappati naso, bocca e orecchie...
Trattenuto il respiro per minuti...
Mandato giù tutto quello che c'è da mandare giù

SI DECRETA

che Pilù seguirà le ore di religione presso la scuola elementare, ooops primaria, che già frequenta con grande entusiasmo e passione.
Le ore dovrebbero essere momenti in cui non si fa catechismo integralista, ma dove si traducono concetti e idee che siano alla base del vivere insieme: solidarietà, rispetto del diverso (tutti i diversi, suggeriscono...), pace e fratellanza tra i popoli (insomma il socialismo...).

Già da oggi l'ordinanza è operativa, aldilà degli obblighi formali e burocratici che si espleteranno settimana prossima.

Come legge del contrappasso, Pilù è stato iscritto al corso all'avviamento allo sport, che sicuramente lo divertirà molto di più e sarà l'occasione in cui scaricare tutte - ma proprio tutte - le 'tossine' accumulate.


Così sia.

Addì, Milano 24 settembre 2010.

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...