giovedì 23 settembre 2010

Milano da bere

La social media week con i migliori guru della rete che si fronteggiano e si sfidano in decine di dibattiti, di fronte a studiosi, aziende e media per tracciare la società del futuro; le sfilate di moda di non so quale stagione che incombono nelle vie della città, piena di donne-trampolo, secche secche ed emaciate con i relativi maschietti intorno, alti 1,50 e con la bocca aperta e la bava che cade; il dibattito, i lavori (ma quali?) e gli attori dell'Expo 2015 che ci rendono tanto europei, globali e all'avanguardia; Profumo che viene dimesso e dismesso nella banca più grande del paese, al centro di uno scontro furibondo tra finanza, politica e furbetti del quartierino.
Milano in questi giorni...
Tutto questo è Milano, da sempre. La Milano all'avanguardia, la Milano che tira il paese, la Milano che guida.
La Milano da bere, del famoso slogan anni '80.
Ma da bere un casino, visto quello che la realtà, quella vera, ci racconta.
Una giornata di pioggia, forte sì, e la città, che come molti sanno non è in Libia e quindi piove, fa freddo, nevica e il termometro spesso va sotto zero; una giornata di pioggia sola, e buona parte della città, va letteralmente sotto l'acqua.
E succede da sempre. Il Seveso, che per lunghi tratti viaggia sotto la città, esonda, i quartieri si allagano, 'disagi per i cittadini', i tombini scoppiano
Ma questa volta si è passati il limite. Ora una linea della metropolitana è bloccata (per mesi, vi rendete conto?).
E lor signori, quelli che sono al governo della città non da un anno ma ormai da vent'anni, insieme ai loro colleghi federalisti che vogliono l'autonomia dei cavoli propri, cosa hanno fatto in questi lunghi, lunghissimi anni?
Prima era colpa dei comunisti, lo sappiamo, che hanno fatto allagare la città apposta per poi raccogliere i bambini e mangiarseli.
Ma ora? Da Formentini in poi, primo sindaco leghista della città dal mandato inesistente, per poi passare ai due periodi di Albertini, realmente allucinanti, e poi a questi della Moratti, che hanno fatto? E il governatore, immobile e inamovibile, che ha fatto?
Ma qualcuno qualcosa glielo dice a questi inetti?
Da bere, sì. Tanta acqua, fango e non dico cos'altro...

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...