martedì 24 agosto 2010

Villaggio vacanze!

Questa ultima settimana di vacanze me la spendo tutta senza sconti e promozioni da solo con gli Squali in montagna.
A parte le prime ore dopo che la loro madre se ne è partita per la grande Milano per ricominciare a lavorare - in cui i 'voglio la mamma' e 'la mamma quando arriva?' si sono sprecati fino a provocare un innalzamento dell'inflazione - ora le cose si sono stabilizzate.
E sono giorni meravigliosi, anche se faticosi da bestie.
Questa full immersion nella paternità mi permette di vivere cose, sentire frasi e raccogliere emozioni che nella vita di tutti i giorni sono di difficile percezione.
Le giornate in genere si aprono con loro due che entrano - sempre per mano! - nella stanza dove, già sveglio, attendo che loro si alzino.
Mi compaiono davanti, aprendo la porta, per poi correre verso il letto in un abbraccio a quattro mani violento e irruento.
Stamattina Pilù, tra un bacio e un abbraccio strettissimo mi sussurra all'orecchio, non so perché:
- Papà, è vero che tu non ci lascerai mai?
Oppure BiBì, che seria seria mi dice:
- Papà, è vero che io e te ci sposiamo a Roma?
- ...
E poi in giro tutto il giorno, su per i monti, in piscina, lei che si gira verso di me e sculettando mi alletta con un lascivo 'Seguimi!'; e poi gite in pineta, giochi sull'altalena, spesa in paese, polenta e salsicce, abbracci alle gambe accompagnati da migliaia di 'ti voglio bene', gelati consumati tra coni che colano e cucchiaini stampati su magliette appena cambiate...
Credo che queste vacanze me le ricorderò, sicuro.

Essere padre è la cosa più bella del mondo.
Almeno per ora...

Ps. Per esempio, in questo momento arriva BiBì (ore 15,00...) si avvicina con aria furbetta e mi urla in faccia un 'voglio la zuppa'!'. E io che faccio?

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...