martedì 4 maggio 2010

Uno tzunami ci seppellirà!

A parte tutto il caos politico, giudiziario, sociale, economico.
A parte le dimissioni di un ministro che, dimettendosi dice che qualcuno gli ha comprato la casa a sua insaputa - veramente, questi non hanno fondo!! -, il casino vero e unico e sbalorditivo e impensabile è un altro.
BiBì ha la varicella.
Sembra che a Milano in questo periodo ci sia una vera e propria epidemia.
Prima un brufolino (sabato), poi qualche macchiolina (domenica) - "ma no dài, ha mangiato le fragole!! "-  poi lunedì finalmente un'esplosione di macchie rosse su tutto il corpo.
BiBì era stata menosa per tutta la settimana, e sicuramente perché stava 'incubando'.
E io che mi sono arrabbiato con lei più volte, come sempre senza alcuna pazienza, senza comprendere.
E' difficile, almeno per me, essere conciliante con una bambina che per un'ora va avanti a urlare, a strillare, a piagnucolare. Mia moglie è straordinaria in questo senso. Ma si sa le mamme...
Avessi una villa mi trasferirei al piano di sopra, o nella orripilante tavernetta. Chiuderei la porta, i Beatles a manetta, un libro e chi s'è visto s'è visto.
Comunque ora il casino è organizzativo, visto che non esistono backup e nonni che ci possono venire in aiuto.
E BiBì, dopo le scenate che le ho fatto settimana scorsa, mi gira alla larga, un po' offesa e un po' timorosa.
Mi guarda con il broncio. E ogni volta che cerco di avvicinarmi, di giocare con lei, di darle un bacio, lei mi allontana. In compenso, nonostante la malattia, continua a essere una forza della natura, a massacrare suo fratello, a dettare legge nel villaggio.
Pilù, in compenso, protesta perché LUI non ha a varicella, e gli tocca andare a scuola. Menoso più che mai.

I maschi sono destinati a scomparire.
Le donne hanno una marcia in più.
E BiBì salta in testa al povero Pilù.

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...