venerdì 14 maggio 2010

Il mio Galileo

Oggi l'educatrice di Pilù ha raccontato questo episodio a mia moglie.

Ieri era giorno di compleanno di uno dei compagni di classe di Pilù.
Come consuetudine, il festeggiato, porta a scuola per i suoi compagni un sacchettino con caramelle, cioccolatini e quanto di più dolce e immangiabile, per condividere la ricorrenza.
In classe si canta 'Tanti auguri a te', si fa un po' di casino diffuso e via così.
Durante la festicciola viene distribuita questa confezione casereccia per la gioia dei bambini e di tutti i dentisti del regno.
Tutto normale, nessuna suspense, nessun delitto.
Ieri d'incanto, ma forse è sempre così, sembra che sia comparsa una delle persone che lavora nella scuola che, forse scherzando o forse seriamente, ha avanzato l'esigenza irrefrenabile di avere anche lei un sacchettino con dolci e schifezze varie. Magari è parente di un dentista in crisi di fatturato...
L'educatrice, giustamente, le risponde che dovrà aspettare.
- Devi attendere, le ha risposto, perché non so se ne avanzerà uno. Prima i bambini, eh?, conclude con un po' di risentimento.
Pilù, detto il ficcanaso, a quanto pare assiste alla scena.
Non dice niente e si ritira in buon ordine.
Passano dieci minuti però e, lemme lemme, si avvicina all'educatrice e chiosa:
- Guarda che glielo puoi dare.
- Prego? gli fa lei, ormai dimentica dell'episodio.
- Il sacchettino alla signora glielo puoi dare. Noi siamo in 19. Più te e l'altra maestra fanno 21. E i sacchettini sono 25. Ne avanzano quattro. Che se li dai a questa, a quella e a quell'altra ancora, ne avanza sempre uno che puoi dare alla signora.
L'educatrice - una di quelle signore non di primissimo pelo e a contatto con il mondo della scuola e dei bambini da decenni - strabuzza gli occhi e si allontana balbettando un 'Grazie!'.
La sera a casa, ci ha raccontato, spiattella tutto al marito che, ridendo come un pazzo, suggerisce di non iscriverlo alla prima classe l'anno prossimo ma, meglio!, alla Normale di Pisa.
Pilù sarà imbranato a giocare al calcio. Meglio, imbranatissimo.
Ma il cervello ce l'ha fino. Fino a tagliare.
Bravo Pilù!

Nell'immagine a fianco, Pilù entra nello studio di Galileo Galilei per confutare alcune tesi astronomiche viziate, secondo lui, da qualche errore di impostazione. Il maestro non pare prenderla bene e sembra chiedere aiuto con il cellulare...

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...