mercoledì 19 maggio 2010

Completamente fuori asse

Io. Io sono completamente fuori asse, totalmente fuori tempo.
A cinquant'anni, nella mezza età (sigh!), si comincia a raggiungere una sorta di tranquillità.
Cito dall'articolo di Repubblica: "l'età della "curva a gomito", quando le sensazioni negative iniziano a scendere, o accelerano nel loro calo se già si stavano riducendo, è risultata proprio quella del mezzo secolo". Leggete il resto e mi dite.
Cosa c'è? Mi domandate cosa c'è?
C'è che invece di accarezzare un po' di tranquillità, di cominciare a godermi la vita con un po' più di distacco, io ho pensato bene di 'spararmi', uno in fila all'altro, due figli che mi consentiranno, salute e occhiali permettendo, di vedere un po' di luce solo quando ne avrò 70.
Una prospettiva straordinaria.
Ma era tutto calcolato, cari i miei lettori. Tutto, dettagli inclusi.
Quando uno dovrebbe riuscire a valorizzare quanto ottenuto, quando uno ha la possibilità di dedicarsi, con gradualità, a se stesso, ai propri interessi, anche al proprio lavoro con occhi diversi, io invece ho trovato il modo straordinario di prolungare la mia giovinezza.
Ovvio. I cinquantenni, in genere, se li hanno, possiedono figli dai 18 anni in su, alcuni addirittura di più.
Ora possono guardare indietro e voltarsi subito. Si possono dedicare a se stessi.
Possono essere più 'sereni'.
E quindi, invecchiare...
Io no.
A 47 anni il primo figlio e a quasi cinquanta la seconda.
Così comincio la mia seconda vita, che mi obbliga a non sedermi, a rinnovarmi in continuazione, a giocare sdraiato per terra, a cambiare i pannolini, oppure, come adesso, a rimanere a casa con Pilù per la seconda varicella nello spazio di un mese ('ben venga maggio, ben venga la rosa...' cantava Guccini, che Dio lo conservi).
E' una tattica, anzi una strategia.
Cavoli vostri, padri cinquantenni con figli grandi, alle prese solo con qualche dolore del cuore o di lavoro. Cavoli vostri genitori della prim'ora che ora dovete solo convincere i vostri figli a venire a pranzo la domenica. Il tutto mentre organizzate viaggi in giro per il mondo, in cui raccogliete quanto seminato, in cui vi godete la vita.
E intanto invecchiate, non c'è n'è.
E io no. Anzi ringiovanisco.
I capelli si fanno sempre più corvini.
I muscoli sempre più tonici.
Sembra migliorare anche la vista.
E le donne ronzano come se fossero calabroni....
E chissà quali altre sorprese....

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...