mercoledì 17 marzo 2010

Arriii-vedeee-rci Romaaa

Non parliamo di politica, sono stufo.
Parliamo della più bella città del mondo, Roma.
Ieri ero lì, per lavoro, e come sempre mi si è aperto il cuore.
A parte i luoghi comuni, positivi e negativi, a parte il ponentino, la primavera, il sole decisamente più caldo,  a parte tutto ciò, Roma ha il potere innato di rendere tutto più bello, semplice, libero.
La città è un casino, intendiamoci. Non è di certo Oslo o Vancouver, città linde e ordinate e un po' asettiche.
Ma Roma, sporca e incasinata com'è, è l'unica città italiana che respira aria internazionale, che fa il verso alle grandi metropoli mediterranee, che trasuda vitalità da tutti i pori.
E io, quando ci vado lo faccio per lavoro, visto che la mia azienda ha una sede là. Ho sempre poco tempo.
Quindi si arriva veloci con il treno, si prende la metrò fino a piazza del Popolo, e poi un pezzo a piedi sulla Flaminia e si arriva. Tutto questo non permette quasi mai un giro, un vero assaporare della città eterna.
Ma anche solo quei pochi minuti in cui riesci a calarti tra le sue mura sporche, hai una sensazione di immediata di vivere il mondo, quello vero.
Milano ormai è un piccolo borgo provinciale richiuso su se stesso che non si accorge, tra i suoi suv e le sue banche, che il mondo va avanti senza essere prigioniero delle cinture D&G o dei jeans Armani.
E Roma, con i suoi limiti, ne è la prova.
Semplicistico? Forse.
Realistico? Altrettanto.
Ma sicuramente meglio.
Tanto lo so che tutti storcono la bocca...

1 commento:

  1. Sono d'accordo con te, Roma l'ho vista diversi anni fa ma mi è rimasta nel cuore,mi ha ammaliata,era primavera inoltrata,quell'aria calda che ti accarezzava ai giardini del Pincio con quella vista sublime e la sera quando smette un pochino di vociare, diventa più umana,ha meno fretta, ad ogni angolo vecchi muri intrisi di storia illuminati da sapienti luci calde...uhmmmm che puttana di una città.
    Si capisce che mi piace??? cuiao Nik

    RispondiElimina

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...