lunedì 15 marzo 2010

Ma che paese è...

Ma che paese è quello in cui il capo del governo si informa se è indagato o no?
Ma che paese è quello in cui un negoziante mette dei soldatini di stampo nazista in vetrina?
Ma che paese è quello in cui un prete (lefebvriano?) getta il libro del concilio vaticano nel fuoco e lo riprende pure con la videocamera e lo manda pure in rete?
Ma che paese è quello in cui Minzolini dichiara che non c'è nessun filo diretto con il Nano?
Ma che paese è quello in cui Tremonti dichiara 39mila euro di guadagno al fisco?
Ma che paese è quello in cui la riforma della scuola superiore significa che si tolgono materie, tempi di studio, uso delle lingue e l'uso del computer?
Ma che paese è quello in cui nel calcio c'è il silenzio stampa?
Ma che paese è quello in cui internet e i suoi maggiori protagonisti sono sotto accusa quotidianamente semplicemente per controllare le informazioni e favorire le aziende del capo?
Ma che paese è quello in cui sotto campagna elettorale si vieta di discutere di politica, e lo si conferma dopo tutto quello che è successo e intercettato?
Ma che paese è quello in cui le uniche buone notizie arrivano dalla Francia?
Ma che paese è quello in cui si tromba negli angusti atri dei bancomat in centro?
Ma che paese è...

Se c'è qualcuno che sa scrivere la musica, possiamo comporre un rap e farci pure i soldi.
Tra l'altro le parole possono cambiare in continuazione, visto la capacità infinita di creare schifezze.

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...