giovedì 18 marzo 2010

Soli

E' un momento di viaggi, impegni di lavoro, trasferimenti, cazzi e mazzi.
Sia io che mia moglie non ci siamo - e la cosa comincia essere cronica!! Si esce presto al mattino, si viaggia, si torna tardi, è una sequela di impegni che se gratificano i genitori - e aumentano a dismisura il loro ego - mettono in sensibile difficoltà gli Squali.
Che ne risentono, ormai è matematica.
L'altra settimana per esempio Pilù mi ha detto che non ci siamo mai. Che tutti gli altri bambini a scuola vengono 'ritirati' o appena dopo pranzo o al massimo all'uscita di metà pomeriggio.
E infatti i più si ritrovano ai giardini vicino alla scuola, ora che il tempo lo permette, per giocare, stare insieme e soprattutto fare un casino d'inferno.
Lui insieme a pochi altri deve resistere a scuola fino all'ultima uscita, quando la baysitter - mica noi!! - lo va a riprendere dopo essere stata a riaccogliere BiBì.
E poi deve attendere a casa il nostro rientro, sempre disparato e sempre più distribuito nel tempo.
BiBì è più piccola, e grazie al suo 'dolce' carattere, si incendia velocemente ma si spegne in ugual misura.
Ha esigenze, per ora, viscerali, intense ma facilmente soddisfabili.
Pilù no. E' grande ormai, comincia a farsi domande, legge tra le righe, annusa le tensioni, capisce i problemi. Ma a questa crescita veloce, non ha ancora la capacità di interpretare, comprendere, valutare. Capisce ma reagisce ancora con la pancia.
Ieri sera per esempio, ormai le dieci, con sua madre fuori, è scoppiato in un pianto angoscioso, inframezzato da infantili 'voglio la mamma'. Poi sono riuscito a farlo addormentare, tra i singhiozzi.
Era una disperazione, un vero dolore a cielo aperto.
Che dire? Nulla, perché non ci sono alternative, per ora.
E forse non ce ne saranno mai, visto che comunque, aldilà degli aspetti finanziari, il lavoro per ognuno di noi è importante, parte integrante del piacere della vita, e fondamentale forma di gratificazione.
Devono tenere duro, i figli.
Fino a quando saremo noi, che già teniamo durissimo!!, a dover accettare l'ineluttabile: che ci lasceranno per lasciarci irrimediabilmente soli.

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...