mercoledì 3 febbraio 2010

Cameriere, il menù per favore

Oggi Pilù ci ha dato una lezione, oltre che ribadire quanto è furbetto e furfante.
La premessa è che mangia poco, e addirittura sta dimagrendo.
Ore 8,45, arrivo con lui alla scuola materna.
Entro nell'atrio e insieme ci dirigiamo verso l'aula.
Come sempre l'educatrice, quasi una moderna Caronte, accoglie i bimbi, con un sorriso, con qualche battuta e qualche indicazione.
Ma oggi, appena ci avviciniamo alla porta d'entrata dell'aula, mi rimbrotta decisa:
- Basta carne. Troppa!, mi dice con un sorriso a metà bocca, con aria complice.
- Scusi? casco dalle nuvole.
- Io e Pilù ieri abbiamo fatto una lunga discussione sul cibo e sul perché mangia poco in questo periodo. E il verdetto è che gli preparate sempre carne e lui è stufo.
Notare che a casa nostra se si mangia la carne due volte la settimana è già un record.
Sto per rispondere, ma l'educatrice mi blocca e aggiunge, facendomi l'occhiolino:
- E quindi, insieme, abbiamo preparato un menù ideale che copre tutta la settimana e che incontra la soddisfazione del nostro 'cliente'. E mi agita sotto il naso un foglio scritto fitto fitto, con diversi colori, che giorno per giorno - lunedì bastoncini di pesce (ma quando mai li ha visti?), martedì prosciutto cotto, mercoledì... per arrivare a lasagne della nonna di domenica - aggiornano il povero padre sulle nuove direttive in tema di mensa e rancio relativo.
Lei comincia a ridere come una matta, Pilù presente sembra quasi scoppiare da quanto è tronfio, e io con una faccia da ebete ascolto esterefatto.
- Insomma, date ascolto a questo povero perseguitato. Non si può andare avanti così. Le mando il menù per fax, va bene?
Saluto Pilù con un bacio, anche se la voglia di strozzarlo virtualmente è molto forte.
Ringrazio l'educatrice delle preziose indicazioni.
E mi allontano.
Sempre di più mi rendo conto che ormai la riservatezza ed eventuali 'segreti' di casa sono a serissimo rischio.
Se vincessi il superenalotto, l'ultimo a saperlo sarebbe Pilù. Questo è certo.

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...