giovedì 21 gennaio 2010

Pompa che ti passa

Bello!!
Queste sono notizie, cha naturalmente saranno confutate e ribaltate dal successivo studio che verrà pubblicato. Ma intanto ci godiamo questa, fondamentale per gli anni futuri.
Quindi il sesso fa bene al cuore. O meglio. Chi ha una vita sessuale intensa e regolare ha minori possibilità di diventare oggetto di attacchi cardiovascolari e quindi infarti e quindi pericoli di morte.
L'equazione è: se fai sesso vuol dire che stai bene anche dal punto di vista cardiaco e quindi sei meno soggetto.
Beh, è una delle poche conclusioni che ha il suo senso.
Quindi ho deciso di ribaltare la questione e sfruttare dal punto di vista del business la ricerca.
Chiedo un finanziamento alla regione (che naturalmente sta solo aspettando me, soprattutto come attivo sostenitore di questa amministrazione!) e creo una catena di minicliniche del sesso.
Cioé? Si aprono strutture convenzionate con il sistema sanitario nazionale che offrono prestazioni sessuali - da declinare in maggiori e minori intensità - a chi è già cardiopatico.
Questa terapia - definita Cardio-tromb TM- permette al malato di cuore di avere, in un continuo crescendo, rapporti sessuali con l'obbiettivo di far far 'ginnastica' al muscolo cardiaco.
Questo dovrebbe consentire un controllato adattamento alla pratica e quindi un'introduzione della ginnastica stessa che, essendo salutare per il cuore, una volta ben avviata, permette di conservare al meglio il padre di tutti i muscoli.
Una volta conclusa la terapia presso le cliniche, grazie a un opuscoletto opportunamente illustrato, ma anche un sito con password per l'accesso personalizzato, il paziente, ormai in via di guarigione, può tranquillamente manutenere il suo allenamento anche a casa e quindi non abbandonare la dolce pratica imparata.
In questo senso sono in contatto con premiate ditte di vidogiochi per realizzare, in collaborazione, tutorial a video con relative misurazioni di performance e obbiettivi da perseguire. Una cosa simile alla Wii Fit.
Un'ultima cosa, visto che mi occupo di comunicazione.
Il testimonial dell'iniziativa (quindi pubblicità su giornali e riviste, campagna di pubbliche relazioni, attività sul web) sarà sicuramente Tiger Woods, che oggi va come un treno.

Nessun commento:

Posta un commento

Un mondo che se ne va

E siamo giunti alla sera precedente degli esami di Andrea, terza media. E non mi par vero. Ora è più alto di sua madre, adolescente fino a...