mercoledì 27 gennaio 2010

Memoria, ultimo baluardo

Ricordare, Ricordare, Ricordare, Ricordare, Ricordare...
Per non dimenticare, Per non dimenticare, Per non dimenticare, Per non dimenticare...
Perché qualcuno di quei farabutti lo sta già facendo, anzi stanno confutando, macchinando per una storia edulcorata, falsata.
In questi giorni di influenza, ho avuto l'occasione veramente ghiotta, di vedere un po' di Tv, che non vedo mai.
A tutte le ore del giorno e della notte, girano servizi alliucionanti, in cui si colgie l'occasione di buttare sul tavolo affermazioni non solo faziose, ma chiaramente false.
Si gira la storia, la si frulla, con conclusioni allucinanti.
Non vi sto a fare esempi, perché mi viene il voltastomaco solo a ricostruirli nella mente. Figurarsi a raccontarli per iscritto.
Dobbiamo raccontare quanto è successso ai nostri figli, far capire loro quanto male è stato fatto, quanta sofferenza, quanto turpitudine.
Dobbiamo invitare i nostri figli a capire, a studiare, a conoscere.
Non dobbiamo mollare mai!!!
Io ancora oggi, dopo anni e anni, non riesco a guardare quelle immagini di bambini davanti ai lager che, scoprendosi gli avambracci, mostravano i 'numeri di matricola' marchiati a fuoco...
Non ci riesco, non ce la faccio.
Non finite mai di indignarvi, di sconvolgervi, di provare orrore.
Chi lo fa spiana la strada ai fottuti revisionisti, che oggi sparlano anche dai sacri scranni della democrazia.

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...