lunedì 16 novembre 2009

Nati per leggere

E' bello sapere che quello che abbiamo fatto, e stiamo facendo, sia corretto e riconosciuto da pediatri intelligenti e sensibili.

Il progetto 'Nati per leggere' infatti è nato dieci anni fa proprio per supportare e caldeggiare la lettura anche nei bambini più piccoli. Addirittura a partire dai sei mesi, appena il bambino è in grado di stare seduto sulle proprie terga.
Ed è proprio quello che abbiamo fatto prima con Pilù e ora con BiBì.
La nostra casa è piena di libri. Direi che è piena solamente di libri. I nostri bimbi si aggirano facendo lo slalom tra librerie e libri di ogni stazza.
I nostri figli ci vedono spesso immersi tra le pagine di un romanzo, ci seguono nelle nostre visite spasmodiche nelle librerie alla ricerca delle novità dell'ultima ora. Ma soprattutto sono coinvolti sempre di più nella lettura, nello scartabellare a piacimento, nello sfogliare ossessivo.
E quindi stanno facendo nascere dentro di se una passione che speriamo mantengano nel tempo, perché unico antidoto contro la lobotomia dilagante e unico modo per mantenere intatti i propri sogni.
Il massimo godimento celebrale?
Una sera davanti alla tv, durante l'ennesima visione della Pimpa o di qualche episodio dei Gormiti (Pooh è ormai morto, sepolto e dimenticato...).
Io e Pilù davanti allo schermo. Io nel frattempo leggo, anche se con qualche difficoltà.
- Papààààà...
- Dimmi Pilù.
- Possiamo spegnere? mi domanda.
- Perché? rimando io pronto allo scatto.
- Leggiamo un libro?
E' inutile dire che in pochi centesimi di secondi avevo già spento la scatola maledetta, agguantato un bel libro di racconti e grandi disegni e stavo già narrando e condividendo la storia con il mio orgoglio vivente...
I figli sono soddisfazioni, altro che balle!!!!

2 commenti:

  1. Chiedo il consenso a pubblicizzarti sul mio blog, a mettere il link a questo e agli altri 2 siti librari, sentiti libero di rispondere anche un bel NO se non ti va ok?
    Ciao Nicoletta

    RispondiElimina
  2. Nicoletta, ne sono onorato.
    Ti ringrazio.
    ciao
    p

    RispondiElimina

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...