martedì 13 ottobre 2009

Gormiti, che miti, più forti, più uniti....

- Papàààà.
- Dimmi Pilù.
- Lo sai che il signore del mare crea dei vortici marini che fanno cadere tutti i nemici?
- Mi era sfuggito...., rispondo, rimbambito come pochi, alle 7,00 del mattino, ancora a letto.
- E in più il signore della foresta imprigiona i nemici del vulcano con le radici.
- ....
Allora, 'sti maledetti Gormiti mi stanno ammorbando la vita.
Ogni sera avviene una battaglia di campo, sul tappeto, in cui tutti si massacrano, tutti si distruggono e pochi, in genere i buoni, si salvano.
Ma i Gormiti stanno diventando una testa di ponte verso qualcosa di molto, molto più sofisticato.
Senza entrare nei dettagli, che ancora non ho compreso, i Gormiti ora sono bambini oppure i bambini sono Gormiti. Almeno alcuni, e attraverso una sorta di porta ultradimensionale (!) entrano e escono dall'isola di Gorm per tornare sulla terra. Insomma un casino, vero.
E tra i bambini, protagonisti di una serie di cartoni, c'è una bellissima bambina - Jessica, signore dell'aria - di cui Pilù si è perdutamente innamorato.
E ogni sera, questo l'accordo, si prepara per la visione di un'episodio della serie. E ogni sera si fa languido, dice che è bella, non vede l'ora di vederla, tampinando il suo papà.
Comunque è bellissimo vederlo. Gli si illumina il viso e 'trepida per il suo amore'.
E quando gli ho fatto notare che è solo un disegno, mi ha risposto che non gli interessa ed è più bella di tutte le sue compagne di classe.
Come sempre. Le più belle erano quelle della classe accanto.
Pilù sta facendo passi da gigante, e io non ho niente da mettermi.

Nessun commento:

Posta un commento

Teatro di prosa

È che la vita è un palcoscenico - anche se la visione è un po' banale e trita - in cui si susseguono scene senza che nessuno abbia scrit...