venerdì 7 agosto 2009

Genere volubile

Pilu' è un tacchino certificato.
Marghe, la fidanzata, soffre neanche tanto in silenzio dei continui
'tradimenti' che Pilu' pianifica e realizza nell'arco della giornata.
Ieri c'era Alessandra che ha un materassino da fare invidia alla
Marina Militare e lui ha passato tutto il giorno con lei. Oggi c'e'
Giulia che e' coscialunga, tedesca, dal fascino misterioso.
E poi ci sono Alessia, Aurora, Francesca....
Pieno di donne, che lui gestisce con innata maestria facendo pero'
irritare la compagna ufficiale che ogni giorno non si lascia sfuggire
l'occasione di manifestare i suoi contrariati sentimenti.
Ma Pilu' va avanti per la sua strada.
Anzi alza il tiro. Stamattina, in acqua, ha puntato una ragazza di
circa vent'anni, l'ha intortata con un fiume di parole e si e' fatto
spupazzare per mezz'ora. Il tutto lontano da riva. Io vedevo e non
vedevo, sentivo e non sentivo.
Poi sono usciti e mi sono accorto che la ragazza era americana e che
non spiccicava una parola d'italiano.
Un vero artista, mio figlio.
Ora lo mando in avanscoperta e poi...

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...