domenica 17 maggio 2009

Mors tua vita mea

Una settimana al ministero della difesa quando cominceranno a bombardare i Caschi Blu dell'Onu a seguito delle straordinarie dichiarazioni del nostro ministro. Questo il premio a chi indovina il sottotitolo di questo blog. Un aiutino? Basta guardare sotto al titolo.
Bene questo sottotitolo non è messo lì per caso. Indica chiaramente che la mia età non è tra le più verdi, e che fare i figli a questo punto della vita non è tra le cose più consuete e riposanti. Punto, come direbbe Pilù.
E quindi primo o poi doveva capitare.
Domenica mattina, caldo impestato, bella idea di andare a Vigevano a vedere il castello, la piazza, fare un giro nello struscio della cittadina. Torre e scuderie del castello, la strada coperta (sopra e sotto); Pilù è affascinato, corre, domanda, si diverte. BiBì come sempre, un po' incazzosa, urlante, totalizzante, guarda tutto con distacco.
E' quasi ora di pranzo, e gli squali hanno fame (e non solo loro!). Pizza al volo?
E vada per la pizza. Se la dividono le due bocche (ci vuole più di mezz'ora, esasperante), poi vada per un gelato, seduti sul gradino di un negozio chiuso (che tra l'altro vendeva sandali per bambina tipo BiBì a 100euro e un paio di scarpine per neonato a 99, cose da pazzi!).
Siamo fermi in attesa che assorbano l'intruglio, Pilù si allontana un attimo e io lo richiamo. E una signora, si fa per dire!, si gira e mormora a Pilù, con quell'accento insopportabile della bassa:
- Su, fai il bravo, vai dal nonno! Lui manco la sente, io la guardo, lei mi guarda, forse capisce, abbassa lo sguardo, si gira e se ne va, ridacchiando con la sua amica arpia.
- Basta, ora si va a casa! ordino con piglio da padre (nonno) padrone.
E mi faccio qualche domanda.
1) Ma Ludovico il Moro non poteva raderlo al suolo, dopo averlo saccheggiato per bene, sto buco pieno di zanzare?
2) Ma questo non è quel posto dove un parroco, nel giorno della Memoria, si è presentato ai suoi fedeli con la svastica al braccio?
3) Ma questo non è quel posto dove un parroco, nel giorno della Memoria, si è presentato ai suoi fedeli con la svastica al braccio, e i fedeli stessi sono stati zitti e non l'hanno appeso al campanile?
E mi conforto.
- La crisi della calzatura è e sarà sempre più pesante, e in questa zona praticamente un'azienda ogni due fa scarpe.
- La globalizzazione sta stroncando tutte le aziende padronali becere che non sono in grado di aprirsi al mondo. Qui è pieno.
- L'ondata di immigrazione selvaggia o no, si fa sentire, soprattutto nei suoi aspetti negativi, in questi piccoli centri.
- Con l'effetto serra, probabilmente il Ticino primo o poi esonderà mandando in malora tutte le coltivazioni della zona.
- Le rane, prima o poi si estingueranno, e voglio vedere poi cosa mangiano.
Con un ghigno sulle labbra, mi avvicino alla macchina e prendo la strada di ritorno. Ora mi sento meglio, molto meglio.

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...