venerdì 15 maggio 2009

Sono le 10 e tutto va beneeee!

La notizia è di poco fa, strillata a più non posso su tutti i siti principali di informazione.
Il Pil crolla ai livelli del 1980 e tutto va bene. Cioè siamo non solo alla farsa, al regime qualunquista e becero, alla continua reiterazione di un messaggio palesemente falso, ma ora stiamo vivendo qualcosa di patologico.
Il nostro presidente del consiglio è chiaramente impazzito.
In questo momento in cui le aziende chiudono, aumenta la disoccupazione, crolla il gettito fiscale di quasi 5miliardi di euro, crollano i consumi, la gente non ha più soldi, la risposta è che siamo fuori dal momento più difficile, il peggio è passato e che vediamo con chiarezza segnali di ripresa.
Voi come la definite un'affermazione del genere? Vi sembra frutto di uomo di destra o di sinistra o di centro, o semplicemente di un irresponsabile?
Ai posteri l'ardua sentenza, ma intanto noi dobbiamo mangiare.
E tutti i sondaggi, presunti, falsi, veritieri o bufale totale che siano, lo danno in crescita. E alle Europee stravincerà.
Allora, Paese mio, è questo che vuoi?
E tutti voi che l'avete votato, implorato, toccato come la Provvidenza, invitato alle vostre feste di compleanno, riso alle sue battute becere, sorriso quando vi metteva le mani sotto le maglie, applaudito, pianto di commozione, accarezzato, guardato in Tv, difeso, magnificato... bene tutti voi, quando tutto crollerà, allora sarete tutti in piazza, sicuramente riciclati, a inveire e far 'crollare' i simboli del vecchio potere come 60 anni fa, vero?
Se c'è, che Dio vi perdoni.
O meglio, che vi fulmini!

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...