sabato 4 aprile 2009

- 'Chi è...

... il più grande gruppo musicale della storia mondiale della musica di tutti i tempi?', domando a Pilù, praticamente ogni giorno, appena si distrae un attimo. La mia è una classica azione pianificata di plagio culturale, al fine di tutelare la memoria, la qualità e combattere le brutture di oggi.
E lui, a comando risponde - 'i BEATLES', urlando come un pazzo.
E io gongolo.
Un padre a cinquant'anni si accontenta di poco, visto che è circondato dall'indifferenza e dall'insensibilità musicale.
E' chiaro che alla somministrazione controllata di 'Taxman', 'Octopus's garden' e 'Hey Jude' e tutte, ma proprio tutte le altre canzoni dell'intera produzione musicale del gruppo, è necessario affiancare straordinari esempi di onirici viaggi lirico-musicali con 'Il coccodrillo come fa' oppure con 'Il valzer del moscerino'.
Ma io mi accontento.
A volte mi lascio andare a sentire qualche canzone dei Rolling Stones o Simon&Garfunkel, ma velocemente guarisco e rientro a Liverpool in un battibaleno.
Quando voglio proprio osare chiedo:
- Chi è il più grande batterista del mondo?
E Pilù alzando i pugni:
- RINGO STARR, e questa, lo ammetto, è veramente forte.
Comunque con 'Good night', ninnananna composta da Paul, presente sul doppio Bianco, ha fatto addormentare entrambi i miei figli molte volte.
Per ora BiBì è esente, ma è solo questione di tempo.

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...