lunedì 6 marzo 2017

Boh, non è proprio vero però...

Leggo questo intervento di Galimberti, persona pacata, preparata e stimata.
Quindi non il solito avventato 'esperto' con la bava alla bocca.

Io però non sono tanto d'accordo con quello che dice, questa volta.
Non sono tanto d'accordo e in più aggiungo che tutto quanto viene riportato in questo articolo è anche un po' banale e scontato.
È vero che oggi la tendenza della società tutta è quella di semplificare, facilitare, rendere breve.
Libri sottili, post brevi, letture assenti, articoli di giornali fatti quasi di soli titoli, analisi e approfondimenti ormai relegati in angoli bui dei giornali o di alcuni libri.
Quindi anche la scuola si adegua.
Non tutti i professori sono all'altezza - ma anche alcuni miei insegnanti erano imbarazzanti per provata ignoranza, e sicuramente anche prima era così - e i genitori oggi sono più presenti nelle carriere scolastiche. E alcuni debordano, sono ancora più ignoranti dei propri figli, non sono adeguati.
Ma lo è sempre stato.
Difendere per definizione i propri figli dalle le decisioni dei professori, o peggio contro le decisioni dei professori, è un fenomeno un po' cresciuto ma non assoluto.
Generalizzare, banalizzo anch'io, non è mai bene.
Non tutti i genitori sono così.
E i professori non sono tutti inadeguati, bocciano, danno quattro quando serve, chiamano i genitori a scuola se i figli fanno casino, intervengono, si assumono la responsabilità e il ruolo.
Ormai è una moda quella di sparare a zero su una categoria come quella degli insegnanti che, almeno dalla mia esperienza, è molto migliorata rispetto ai miei tempi.
Quella dei genitori non so, ma non hanno grande spazio quelli che imperversano, aldilà dei fatti che fanno notizia e che vanno sui giornali.
Ci vorrebbe un po' più di morigeratezza, di quiete d'animo.
Ma ormai non c'è più nulla tranne che scagliare una lancia contro qualcuno.

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...