giovedì 13 febbraio 2014

Spazio al nuovo che avanza

Eh sì, oggi abbiamo assistito a uno squallore a cui mai, nemmeno al tempo di Andreotti, Fanfani e Rumor, avremmo assistito.
Oggi è una giornata storica, in cui il Ribollito ha di fatto tolto la sua maschera di ragazzotto di provincia e si è manifestato per quello che è.
Il 'salvatore' della patria di fatto - dopo tutti i proclami e le balle che ci ha rifilato per oltre un anno - ha messo le mani sul partito, sul governo e su tutto, fottendosi abilmente di tutti e di tutto.
Questa scelta scellerata porterà il partito al suo smantellamento, al suo crollo alle prossime alle elezioni, spianando la strada al nano malefico e al pazzo fascista comico tv.
È il nuovo che avanza.
Insieme al fango putrido che si porta dietro.
Per fortuna che ho passaporto nepalese!

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...