giovedì 13 febbraio 2014

Spazio al nuovo che avanza

Eh sì, oggi abbiamo assistito a uno squallore a cui mai, nemmeno al tempo di Andreotti, Fanfani e Rumor, avremmo assistito.
Oggi è una giornata storica, in cui il Ribollito ha di fatto tolto la sua maschera di ragazzotto di provincia e si è manifestato per quello che è.
Il 'salvatore' della patria di fatto - dopo tutti i proclami e le balle che ci ha rifilato per oltre un anno - ha messo le mani sul partito, sul governo e su tutto, fottendosi abilmente di tutti e di tutto.
Questa scelta scellerata porterà il partito al suo smantellamento, al suo crollo alle prossime alle elezioni, spianando la strada al nano malefico e al pazzo fascista comico tv.
È il nuovo che avanza.
Insieme al fango putrido che si porta dietro.
Per fortuna che ho passaporto nepalese!

Nessun commento:

Posta un commento

Teatro di prosa

È che la vita è un palcoscenico - anche se la visione è un po' banale e trita - in cui si susseguono scene senza che nessuno abbia scrit...