sabato 18 gennaio 2014

Rottamiamo la nausea

Bello no?
Io lo dico da tempo. Questa presunta rivoluzione dei giovani contro le vecchie generazioni non è altro che una rivendicazione di un posto di comando. Senza alcuna voglia di cambiare, di rivoluzionare, senza alcuna nuova idea. Senza nulla.
Solo sedersi, cacciare i vecchi commensali, e mettersi a mangiare a piene mani.
Una tristezza senza limiti.
Oggi la chicca del Blair de voialtri.
Inciucio dei più violenti e arroganti, alla faccia di tutto e tutti, con 'piena sintonia' con il colpevole e condannato in via definitiva in attesa di scontare la sua pena.
Quindi due gli obbiettivi concordati e raggiunti:
1. Accordarsi su una legge elettorale che nessuno ama e che di fatto impedirebbe ancora di scegliere i propri rappresentanti, con uno sbarramento allucinante che di fatto farebbe fuori tutti i partiti piccoli e medi.
2. Riabilitare il ruolo e la persona del pregiudicato brianzolo, fino a a poco fa al tappeto e difficilmente riabilitabile.
Complimenti.
Avanti con il cambiamento, avanti con il nuovo, avanti con i presunti giovani.
Non avessi figli mi metterei a ridere, sulla sponda del fiume, in attesa del cadavere pieno di ribollita.
Puah, stomachevole.

Nessun commento:

Posta un commento

Teatro di prosa

È che la vita è un palcoscenico - anche se la visione è un po' banale e trita - in cui si susseguono scene senza che nessuno abbia scrit...