giovedì 22 agosto 2013

Cause I'm a dentist...

Chi mi conosce sa la mia 'venerazione' per quel gruppo musicale che ha rivoluzionato la musica, che ha influenzato usi, mode e spettacolo fino ai giorni nostri. E non solo. Sa qual è la mia gioia - quella vera - ogni volta che, anche per caso, in lontananza si sente una delle loro meravigliose canzoni.
Un esempio.
Spesso, nel supermercato che frequento abitualmente, la musica diffusa - in genere pessimo surrogato della melodia con canzoni di oggi senza capo né coda - improvvisamente si converte alla qualità a seguito di un intervento di un dio benevolo e canterino, e cala l'asso. E allora sulle note di una canzone che arriva da lontano, la spesa diventa piacere, gioia, spensieratezza. Le ruote del carrello scivolano leggere tra uno scaffale e l'altro, senza sbagliare un acquisto. Mentre io mi ritrovo a fischiettare, o peggio a cantare - o peggio ancora a dimenare le anche - per la gioia dei colleghi di spesa e per il sorriso degli addetti al negozio.
Ricordo quel memorabile articolo che Castaldo, su Repubblica, scrisse appena uscì 'One', la raccolta di tutti i 45 giri che erano stati in vetta alla classifica in quei formidabili otto anni e più di successi. L'aveva appena ricevuto in redazione, e voleva farne la recensione, scrivere qualcosa, insomma. Allora pensò bene di ascoltarlo, infilò il cd nel lettore e attese le prime note della prima traccia.
La redazione improvvisamente si rianimò, tutti presero a cantare, a muoversi tra una scrivania e l'altra ballicchiando, seguendo a tempo le singole canzoni. Per la durata del cd il primo giornale italiano divenne il posto più bello dove lavorare, altro che Google e Microsoft!

Bene, ora arrivano queste notizie, ai confini della realtà, e oltre.
Aldilà dei giudizi morali sui limiti della ricerca scientifica e del suo sviluppo, nel caso in questione non solo aborro la cosa ma comincio a preoccuparmi già da subito vedendomi, chessò, novantenne e rimbambito forte, di fronte ai 'nuovi' ragazzi di Liverpool ventenni che ricominciano a suonare insieme. Un Ringo con occhio vitreo e il naso alla greca, un Paul che per mutazione nella clonazione suona con la destra, un George che al posto del suo amore per la religione e la cultura indiana fa del fitness il suo credo, e John con una dentiera da fare invidia a Dracula.
La cosa è sconcertante, anche perché consentirebbe sviluppi ben più drammatici, e parlo solo di musica. Un altro Pupo all'orizzonte, o peggio ancora Morgan, Baglioni, Rosanna Fratello o qualche inutile canterino di oggi che ripropongono all'infinito fino alla fine dei giorni... Aiuto!!!!
Sempre detto che è pericoloso andare dal dentista...



Nessun commento:

Posta un commento

Teatro di prosa

È che la vita è un palcoscenico - anche se la visione è un po' banale e trita - in cui si susseguono scene senza che nessuno abbia scrit...