giovedì 7 marzo 2013

Alla ricerca del pelo nell'uovo

Allora, chiariamo subito.
Io porto la barba da oltre 10 anni. Prima pizzetto, poi da cinque circa la barba al completo, anche se i geni familiari non garantiscono una folta partecipazione.
Ma ora, questo illuminante servizio giornalistico che compare in questo momento sulla homepage di Corriere.it - da sempre sensibile alle questioni strategiche e di comunicazione che ruotano attorno a peli, baffi, capelli, capigliature, ciglia e lanugini varie - lancia un allarme che ogni uomo, democratico e politicamente sensibile, deve saper raccogliere per potere contribuire, in modo determinante, alla crescita del paese.
La domanda è lapidaria, ferale e tombale:
- Chi l'ha detto che gli uomini sono più sexy con la barba? Chi l'ha detto che alle donne piacciono gli uomini con la barba? E via con foto di Clooney, Pitt e non so chi altro debitamente avvolti nella loro peluria originaria.
Se sono loro l'esempio 'negativo', allora io dove vado? Mi suicido?
Oddio, e mo' che faccio?

Il servizio non suggerisce risposte. La signora che pone la questione non dà indicazione. In fondo è un'intellettuale, forse organica, e quindi come tutti gli intellettuali ha solo il ruolo di porre le questioni, di denunciare i malesseri della società, non di trovare soluzioni. A quello, il lavoro sporco, ci deve pensare chessò?, la politica, la cultura, la società civile...
Io a questo punto penso seriamente alla sbarbata totale, all'intervento radicale e assoluto, grazie ai potenti mezzi messi a disposizione dalla Braun.
Basta un click, come andare in rete, e le potenti testine si attivano immediatamente, cominciando a roteare le loro lame affilate alla ricerca dei loro più acerrimi nemici.
E immediatamente il viso dello sbarbato assume la sua fisionomia originaria, la pelle ricomincia a respirare liberamente, il sole ritorna a scaldare le guance che hanno da poco riconquistato la libertà. Le dita che scorrono sul viso ora sono alle prese con una pista da sci ghiacciata, liscia, senza ostacoli.
È un tripudio di sensazioni forti, intense e libere da condizionamenti.
Ma soprattutto, e finalmente!, le donne ritornano a farti la ronda, a circondarti di attenzioni, ammiccando insistentemente, e cercando in tutti i modi di circuirti e affascinarti.
Bello no?
E allora via al taglio, tutti dal barbiere (cinese?), fino alla vittoria!
Però da oggi, quando voglio leggere/vedere qualcosa di interessante, vado su Repubblica.it, La Stampa.it, l'Unità.it, o Topolino.it.

Ps. Non perdetevi i 'servizi' che seguono questo sulle barbe, imperdibili...

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...