giovedì 23 giugno 2011

Un vero secchione!!

Verifica parlamentare?
Riforma fiscale?
La P4?
Wimbledon?
Tutte cretinate.
Ieri è stata la giornata più importante degli ultimi anni, è stato il d-day. Da ieri il mondo non è più lo stesso.
Il 22 giugno è stato il giorno della pagella di fine anno di Andrea. La prima.
Tutto il resto è banalità, inutilità, marginalità.
E come è andata?

ore 17,30.
Ritrovo davanti a scuola con mia moglie. Il primo scrutinio richiede solennità e totale partecipazione familiare. Eravamo anche un po' eleganti, come due genitori venuti giù da chissà quale valle. Si respirava tensione, attesa.

ore 17,35.
Siamo davanti alle scale. Ci scambiamo occhiate di intesa, il 'traffico' di genitori in uscita con pagelle in mano è intensissimo. Chi ride, chi ride meno, chi si domanda, chi è visibilmente contrariato. E io penso: "Ma allora è una cosa seria...".

ore 17,40.
Siamo in fila al secondo piano, davanti all'aula adibita alla distribuzione dei verdetti divini. Dentro due banchi, due maestre ciascuno, due prime a confronto. Caldo pazzesco. E io mi domando: "Ma quando danno le pagelle a Calcutta, fa così caldo?".

ore 17,45.
Nella fila di fianco alla nostra sento una mamma confidare alla vicina "sono nervosissima...". E io mi chiedo: "Ma perché sono sempre l'unico uomo?".

ore 17,50.
Entriamo. Di fronte la maestra 'principale' e quella di matematica. Cercano la pagella. La sfilano dal contenitore di plastica. La aprono, La girano. Ci guardano. Si guardano. E io mi scervello: "Ma ti dài una mossa?".

ore 17,51.
Ed esordisce con un "che dire?". E io mi rispondo: "Come che dire, mio figlio che dire? Tutto c'è da dire, mio figlio è il mondo, e sul mondo ci sono da dire un mondo di cose!".

ore 17,52.
"Andrea è bravissimo, molto attento, sempre a farsi domande, partecipa, è socievole, chiede, parla...insomma tutto bene, molto bene!". E ci mostra una pagella di tutti DIECI. E io mi chiedo: "Tutti tutti? TUTTI!".

Pagella di Andrea del primo anno dell'era Pisapia
ore 17,52 e qualche secondo
E io penso "tutti dieci, mica paglia!, bravo Pilù!".

ore 17,55.
Finiti i convenevoli, ce ne usciamo con il papello in mano con tanto di bolla ministeriale (non devo pensare quale ministro 'gestisce' mio figlio...). Io sono tronfio, sprizzo orgoglio da tutti i pori, viaggio sopra il mondo di qualche metro...

ore 18,00.
Arriviamo a casa. Arriva anche Andrea dalla scuola estiva. Gli vado incontro, lo abbraccio, lo bacio, lo spupazzo... Gioia infinita vederlo. E gli sussurro all'orecchio: "Complimenti, le maestre hanno detto che sei un asino patentato!" Lui mi guarda e mi sorride ironicamente e mi sbatte in faccia un "ma papà, che dici? Tutti dieci!!", e se ne va a giocare. E io mi domando: "Ma sai che sei proprio una carogna?".

ore 18,05.
La vita ricomincia, con una certezza però. I figli crescono e l'amore per loro cresce di pari passo.
E io mi chiedo...

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...