mercoledì 2 febbraio 2011

Contro classifica film più sexy

La classifica da poco stilata, a opera del sito The 6th Wall (i film più sexy di quelli premiati con l'Oscar) non mi trova molto d'accordo.
Un po' per la scelta e un po' perché, diciamola tutta, alcuni film citati non li ho mai visti.
Non sono un cinefilo, da quando ho figli non vado più al cinema. Mi organizzo tra tv, dvd e quant'altro, per stare al passo con i tempi, e neanche ci riesco.
Ma siccome il tema del film sexy, del più sexy, del più provocante, oppure del più provocatorio e trasgressivo, è un tema intrigante di nome e di fatto, faccio la mia classifica, Oscar o no, per quel che mi ricordo e per quelli che sono i miei gusti.
Magari non dieci, ma qualcuno di meno. Vediamo cosa ne viene fuori.

Anch'io includo 'Il postino suona sempre due volte', quello con Jessica Lange e Jack Nickolson, con la scena di sesso più eccitante e assatanata che il cinema abbia mai inventato. E quasi senza vedere un lembo di pelle. Meraviglioso.
Anch'io salvo 'Lezioni di piano', con questo rapporto molto 'tribale' tra i protagonisti e con scene che trasudano delicatezza e sensualità infinite.
Anch'io tengo nella lista 'Il laureato', film (oltre al libro) che per la mia generazione ha significato ribellione, riscatto, ruolo e sesso a non finire con una donna esperta e di qualche anno in più. Un sogno per i giovani del tempo, condito con le canzoni di Simon & Garfunkel. Cosa volere di più?
Gli altri non li considero nemmeno. Alcuni proprio non capisco perché siano in classifica. Ma le classifiche le capiscono principalmente chi le fa.
E invece aggiungo.
'La gatta sul tetto che scotta', con un'esplosiva Liz Taylor e un sensuale Paul Newman. Una storia di uomini, donne, famiglie, rapporti asfissiati tra padri e figli, rifiuti e fughe dal mondo. Ma Liz Taylor che cerca di riconquistare il suo marito Newman in preda a una crisi esistenziale oltre il limite, è quanto di più elegante, sensuale e provocante che si possa avere. E lui è un irraggiungibile adone che ogni donna vorrebbe catturare. Alla faccia di tutte le sciacquette di oggi, ineleganti e volgari, e di tutti i palestrati scimmieschi dal verbo traballante.
E poi, senza andare troppo indietro nel tempo, ve lo ricordate 'I favolosi Baker' con Michelle Pfeiffer e il suo pianoforte, in un rapporto oltre anche le note?
E 'Brivido caldo'? Dove lo vogliamo mettere? Di Laurence Kasdam, con William Hurt e Kathleeen Turner, allora agli inizi di carriera. Una storia torbida di sesso, soldi e omicidi che rende tutto incandescente, grazie anche alla bellezza dei due protagonisti. Perfetto per chi si vuole un po' male.
E maledizione, come dimenticarsi di 'Unfaithful', con un'affascinante Diane Lane e quel bambascione di Richard Gere, in una storia di tradimenti e inganni che stravolgono la vita di tre persone?
Uno dice. Ma è possibile lasciare perdere Sharon Stone, la regina del sexy mondiale? A volte sì, ma anche no. Scontato Basic Instinct e le sue scene smutandate, meno Sliver e meno ancora Casinò di Martin Scorzese.
L'elenco non finisce mai.
Ognuno ha i suoi ricordi, le sue esperienze, le sue emozioni, valide perché provate proprio in quel momento lì.
Ognuno la pensa come vuole.
Aggiungete, se volete.

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...