martedì 18 gennaio 2011

Brucia Roma

Qui c'è poco da ridere!!
Io lo dico da tempo. Qui crolla tutto, e ora nel peggiore dei modi, ma continuo a pensare che quando succederà, chi crolla si trascinerà dietro tutto, facendo crollare tutto il resto, cioè noi.
Io non so quanti anticorpi il nostro paese ha. Non so di quante forze e capacità di reazione la nostra Italia ha.
So solo che non esistono più forze di massa che garantiscono per la democrazia, che vigilano e che tutelano l'ordine.
So solo che certa gente, di indubbia fede antidemocratica, è al governo e che non se ne andrà via volentieri.
So solo che il presidente della repubblica è di ben oltre gli 80 anni.
So so solo  gli interessi economici sono enormi.
So solo che la crisi è pesantissima.
So solo che la Chiesa, che ora grida allo scandalo, è da sempre schierata a favore.
So solo che la potenza dell'uomo in questione è grandissima.
So solo che gli equilibri internazionali sono delicati e noi siamo delle pulci.
So solo che la Ue ha gli occhi puntati su di noi per il debito.
So solo che la classe imprenditoriale è anche lei schierata e fa quello che vuole.
So solo che la tenuta democratica del paese oggi è molto, molto flebile.
So solo che c'è qualcuno che soffierà sul fuoco per dividere il paese.

Sono molto preoccupato, e invece tutto il paese si dà di gomito, perché quello si fa le ragazzine, e che da tempo e tempo queste cose le hanno fatte tutti (non è vero, io non le faccio!!! e ne conosco qualcun'altro...).

L'"impero" se ne va, e lascia solo macerie.
Chissà cosa leggeranno sui libri di storia i nostri nipoti e pronipoti di questi anni?

Nessun commento:

Posta un commento

La porta (e l'olio)

Olio, tanto olio. In quelle pompette un po' vintage che ancora circolano oggi. In genere di colore rosso. Un pezzo di carta, un po'...